Denise Pipitone, ispezione nella casa dove abitava la mamma della sorellastra: gli “strani lavori” e la botola

mercoledì 5 Maggio 16:29 - di Redazione

Nuove indagini sulla scomparsa di Denise Pipitone. Oggi i carabinieri del Reparto della Scientifica di Trapani hanno eseguito un’ispezione in un appartamento a Mazara del Vallo (Trapani). Che in passato era stato abitato da Anna Corona, la ex moglie di Piero Pulizzi. Il padre naturale della bimba di 4 anni sparita nel nulla il primo settembre 2004. La donna è la mamma di Jessica Pulizzi (sorellastra della piccola Denise), finita sotto processo e assolta nei tre gradi di giudizio.

Denise Pipitone, ispezione nella casa della mamma della sorellastra

Il sopralluogo è stato disposto dalla Procura di Marsala che nei giorni scorsi ha riaperto le indagini sulla scomparsa di Denise. L’appartamento di via Pirandello è disabitato da circa un anno. Secondo quanto si apprende gli inquirenti cercano di capire se sono stati fatti dei lavori edili in quella abitazione. Secondo una fonte anonima, infatti, ‘strani lavori’ sarebbero stati eseguiti dopo la sparizione della piccola. In particolare i carabinieri hanno anche controllato una botola che si trova in uno dei due garage. Utilizzando le chiavi fornite dalla custode. E sono usciti poco dopo.

La botola segreta e la segnalazione anonima

L’esistenza di una botola ‘segreta’ era emersa durante la trasmissione Mattino Cinque. Nel corso di questi anni la botola non sarebbe mai stata analizzata. Come riporta il Giornale di Sicilia la segnalazione farebbe riferimento alla possibile presenza del cadavere della piccola Denise. Celata da un muro costruito appositamente all’interno dell’abitazione. Indiscrezione che però non ha trovato conferme ufficiaie da parte della Procura. E che è stata smentita da fonti investigative.

Nel pomeriggio è arrivata anche una squadra dei Vigili del Fuoco. I pompieri sono entrati all’interno attraverso uno dei due garage dell’appartamento. Si tratta del vano dove è presente la botola di ferro. Dalla quale, con molta probabilità si accede a un pozzo.

La custode dello stabile: i proprietari sono in Svizzera

La palazzina abitato in passato dalla ex moglie del papà della piccola oggi appartiene a una coppia di emigrati in Svizzera. “I proprietari della casa sono in Svizzera. Io ho solo portato le chiavi della palazzina ai Carabinieri che me le hanno chieste”, ha detto ai giornalisti che si trovano in via Pirandello la custode dalla palazzina. “La palazzina è disabitata da un anno”, dice la donna, aggiungendo anche che di recente non sarebbero stati fatti interventi di ristrutturazione ma “solo piccoli lavori”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *