«Vaccino forzato, sterminio legalizzato»: a Prato no vax all’attacco di ospedale e Centro Pegaso

28 Giu 2022 13:37 - di Redazione
no vax

Scritte no vax al Centro Pegaso di Prato nell’area della palazzina adibita alle cure Covid e all’esterno dell’ospedale. Le scritte, che citano il nazismo e se la prendono con chi è a favore del vaccino, sono state tracciate nelle parti esterne dei due edifici presumibilmente durante la notte. Vi si legge, tra l’altro: «Consenso estorto, il nazismo è risorto»; «Vaccino forzato = sterminio legalizzato», «I vax uccidono».

La Asl: «Scritte altamente offensive verso medici e famiglie»

La Asl Toscana Centro, con il direttore generale Paolo Morello, ha parlato di «un episodio molto grave, un atto inqualificabile da condannare fermamente che offende i pazienti ricoverati o che lo sono stati, il personale sanitario che si è impegnato con costanza e con grande sforzo nella lotta contro la pandemia». Morello ha quindi sottolineato come le frasi scritte siano «altamente offensive verso i medici, il personale sanitario, le famiglie che sono state colpite dal virus ed hanno perso i propri cari e verso tutti coloro che hanno contratto il Covid ed hanno perso la vita durante il loro lavoro di assistenza e cura della popolazione».

La denuncia dell’ospedale: «C’è molta amarezza»

È stata la direttrice dell’ospedale, Sara Melani, a denunciare «il grave episodio» alle forze dell’ordine, «anche per ricercare e punire i responsabili del gravissimo ed inqualificabile atto». «Sono molto amareggiata, le strutture – ha ricordato – hanno dato un contributo fondamentale nella gestione dell’emergenza sanitaria, oltre a un supporto importante nella campagna vaccinale. Un episodio molto offensivo e grave». Nel Centro Covid Pegaso sono stati ricoverati circa 1300 pazienti affetti da Covid ed effettuate circa 260 terapie con monoclonali; nelle Ali dell’ospedale Santo Stefano poi sono stati effettuati 35mila vaccini di cui 1650 in ambiente protetto per i soggetti fragili e per i soggetti a rischio di reazioni allergiche, oltre a 50 terapie con monoclonali.

Il sindaco ridicolizza i no vax: «Li immagino mentre parlano di chip sottopelle»

«Via, ci mancava anche il “grullaio” delle scritte no vax sui muri dell’ala nuova dell’ospedale Santo Stefano e del Centro Pegaso di via Galcianese. Io me li immagino mentre scrivono quelle frasi e disquisiscono di chip sottopelle, di grafene e dei poteri forti e poi tornano nelle loro case tronfi e soddisfatti per questa bravata, che in realtà è triste, misera e soprattutto è una mancanza di rispetto per i morti della nostra comunità e le loro famiglie», ha commentato su Facebook il sindaco di Prato, Matteo Biffoni, postando le foto delle scritte.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA