Scanzi irritato dall’anticomunismo di Sallusti lo ricopre di insulti: “Berlusconiano, disonesto, fascista”

martedì 7 Giugno 10:44 - di Riccardo Angelini
Scanzi Sallusti

Il caos che è andato in onda domenica sera a “Non è l’arena” con la diretta di Massimo Giletti da Mosca si è riversato poi come un fiume in piena nei commenti sui media e sui social. Se il grido di Myrta Merlino (“Massimo, che succede…”) è stato accostato su twitter a quello di Sandra Milo (“Ciro, Ciro…”), molto commentata è stata anche la performance di Alessandro Sallusti che ha abbandonato la diretta. E ciò dopo avere definito il Cremlino un palazzo “di mer..” dove si sono ordite le più sconvolgenti tragedie del Novecento.

Ed è su questa professione di anticomunismo che si esercita oggi il livore di Andrea Scanzi sul Fatto. Un articolo grondante insulti e malevolenze. Che lascia trasparire qualcosa che va ben oltre l’obbedienza alla linea filo-Putin scelta dal giornale di Travaglio.

Si parte dicendo che Sallusti è del tutto privo di onestà intellettuale. Un uomo di cui non ti puoi fidare: “Sallusti è la classica persona che ti offrirebbe un aperitivo col sorriso sulle labbra, per poi accoltellarti lavorativamente alle spalle con assoluta serenità”. Gli si rimprovera un acceso berlusconismo: “Votato al berlusconismo con lo stesso trasporto messianico con cui Tinto Brass esaltava la bellezza totalizzante del fondoschiena femminile“. Gli si dà quindi del voltagabbana:  “Sallusti piega le sue opinioni alla bisogna. Se conviene dire “bianco” dice “bianco”, se è più utile (a lui e a chi lo paga) dire “nero” dice “nero”.

Scanzi imputa a Sallusti di essere stato ospite fisso di Giletti per poi fare l’eroe rinunciando al gettone di presenza e insultand\one gli ospiti. “Ha parlato di “Palazzo di merda”, dato della “cretina” a Maria Zakharova, battezzato come “coglioni” i due pali accanto a (quel che restava di) Giletti, rinunciato al gettone pattuito (che eroe!), chiamato “utile idiota” Cacciari e abbandonato il collegamento. Qualcuno, in quello scantinato bonsai del disagio chiamato Twitter, ne ha pure plaudito il coraggio. Certo, come no: il “coraggio” di scoprire adesso chi sia Giletti e come funzionino i suoi mefitici avvelenamenti di pozzi”.

Infine l’immancabile accusa. Il marchio che Il Fatto affibbia sempre al nemico: “Sallusti è però da sempre allergico a dubbi, sfaccettature e complessità di pensiero. Per questo fa di tutta l’erba un fascio, meglio ancora se littorio”. E’ pure “fascista”, che altro vi serve per odiarlo?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *