Un’altra giravolta della Polverini: «Farei il sindaco di Roma, è il mestiere più bello del mondo»

venerdì 21 Maggio 13:18 - di Redazione
Polverini

L’ennesima giravolta. Se n’è andata, è rientrata e ora la spara grossa. Candidata sindaco di Roma per il centrodestra? «Nessun politico che si rispetti non può non ambire a governare la propria città, è il mestiere più bello del mondo». Così Renata Polverini a L’Aria che tira su La7. Quindi ci sta pensando? «Non sto pensando a niente», replica incredibilmente la deputata appena rientrata in Forza Italia. «Ma farei un torto a me stessa, ai romani e anche alla politica dichiarare che non amministrerei la mia città». Poi puntualizza: «Ho sentito il Presidente Berlusconi ma non abbiamo parlato di Roma. Da cittadina romana sono preoccupata e mortificata, c’è un fuggi fuggi, il ruolo di sindaco è molto complicato». E poi ancora: «Oggi fare l’amministratore è un mestiere difficile, che ti pone quotidianamente di fronte a problemi che molto spesso non sai e non puoi risolvere con gli strumenti che hai a disposizione».

Il ritorno di Renata Polverini in FI

Renata Polverini ieri con una nota ha annunciato il suo ritorno in Forza Italia. L’aveva lasciata lo scorso gennaio per aderire al gruppo Centro democratico-italiani in Europa e provare a salvare il governo Conte. Fallita l’ipotesi di dar vita a un gruppo parlamentare di centro alla Camera con Bruno Tabacci, l’ex governatrice è andata al Misto. Ora il ritorno con Berlusconi. «Torno in Forza Italia, casa mia, in realtà è come se non fossi mai andata via».

«Non ho mai interrotto i rapporti con la base»

E poi ha puntualizzato. «Il mio partito, finalmente, ha adesso il ruolo che merita, a sostegno di un governo forte e di unità nazionale, guidato da una personalità di assoluto valore come Mario Draghi, e sta contribuendo attivamente a tirar fuori il Paese dall’emergenza sanitaria ed economica. In questi mesi – ha poi concluso – non ho mai interrotto i rapporti con la base di Forza Italia, con il gruppo parlamentare, e con la delegazione azzurra al governo». E poi ancora. Determinante il “corteggiamento” di Berlusconi: «Il presidente è sempre molto affettuoso. Ci siamo sentiti varie volte, l’ultima ieri. Mi hanno convinta definitivamente a tornare nell’unico partito al quale sono stata iscritta dopo la mia esperienza all’Ugl e dopo la presidenza della Regione Lazio. Sono molto contenta, mi stanno chiamando in tanti», ha continuato Polverini, che ha giurato: «Non chiedo posti, sono tornata e mi metto a fare il mio lavoro, come sempre…».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *