Biden sotto accusa, bimbo di 9 anni affoga nel Rio Grande per entrare negli Usa

sabato 27 Marzo 18:31 - di Valeria Gelsi
bimbo rio grande

La polizia di frontiera lo ha trovato privo di sensi, insieme a una donna del Guatemala e a suo figlio di 3 anni, che sono riusciti a salvare. Per il bambino messicano di 9 anni, non identificato, invece, non c’è stato nulla da fare. Il bimbo è morto mentre cercava di attraversare il Rio Grande, per entrare illegalmente negli Stati Uniti. La tragedia, avvenuta nella notte del 20 marzo, ma divulgata dalle autorità statunitensi solo ieri, alimenta la già furiosa polemica nei confronti del presidente Joe Biden, le cui aperture immigrazioniste hanno provocato un’impennata nei flussi migratori illegali verso gli Usa, con un notevole incremento proprio dei minori non accompagnati, senza che di contro abbia saputo mettere in campo risposte efficaci al fenomeno.

Lo choc per il bimbo morto nel Rio Grande

In prima fila a contestare l’inquilino della Casa Bianca ci sono proprio i democratici e gli attivisti pro migranti. In molti sottolineano, infatti, come a fronte delle promesse siano poi mancate le politiche di accoglienza. Con il risultato di un cortocircuito di cui a fare le spese sono gli stessi migranti e quelli più fragili in particolare. Secondo quanto riportato dal New York Times, a corredo della notizia del bimbo morto nel Rio Grande, in un solo mese il numero di famiglie intercettate dagli agenti di frontiera in quel tratto di confine sudoccidentale sono pressoché triplicati. Si è passati dalle 6.173 di gennaio alle 17.773.

Sistema dell’accoglienza al collasso

In generale, il sistema dell’accoglienza è al collasso, tanto che Biden si è dovuto piegare a diverse mosse che hanno smascherato l’inadeguatezza delle sue politiche, specie di fronte alle promesse sul tema. Fra le altre, a suscitare particolare scalpore sono state la riapertura di un centro per minori migranti, nato sotto l’amministrazione Trump e allora duramente criticato, e l’appello (o avvertimento) dello stesso presidente ai migranti a «rimanere a casa», giunto dopo i numerosi proclami su quanto invece gli Usa sotto la sua guida sarebbero stati accoglienti e umani.

Ci guadagnano solo i “coyote”, i trafficanti di uomini

Inevitabili le critiche sia da destra che da sinistra, dove le accuse a Biden sono tanto più forti quanto più forte è la delusione. Anche perché gli unici a guadagnarci davvero in questo folle cortocircuito tra promesse e aspettative deluse sono i trafficanti di uomini. «I messaggi confusi stanno creando questo caos. I coyote (il modo in cui negli Usa chiamano i trafficanti di uomini, ndr) lo sanno e dicono a chiunque che potrà entrare. Così la gente viene», ha spiegato al New York Times, Jaime Diez, un avvocato texano specializzato in immigrazione. Gli stessi migranti confermano di aver preso la decisione di muoversi sulla base dei messaggi di Biden. «Seguivamo le notizie per vedere come evolveva la situazione negli Usa. Quando Biden ha vinto abbiamo deciso di metterci in cammino», ha raccontato Alberto Gomez, arrivato dall’Honduras, dando voce a molte altre storie simili.

I democratici infuriati con Biden

«Nessuno dovrebbe essere messo in questo condizioni», ha detto il deputato democratico del Texas Joaquin Castro, fratello di quel Julian che Obama nominò Segretario alla Casa. Il deputato Henry Cuellar, anche lui democratico, poi, non si è limitato alle parole, ma ha denunciato anche con la forza delle immagini la situazione. Le foto riguardavano il centro per migranti di Donna, in Texas, in cui «più di 400 minori maschi detenuti in uno spazio per 250 persone».

«Biden mette in carcere i bambini»

E così Biden si è trovato a dover fronteggiare l’accusa di mettere in carcere i bambini. Esattamente come Trump, con il quale però il fenomeno dei bambini migranti in carico al sistema aveva una portata assai più ridotta. Con tutto ciò che ne consegue in termini di adeguatezza delle strutture e non solo. «Quello che sta accadendo è disumano», ha commentato ancora Cruz. «Joe Biden e la sua amministrazione – ha sottolineato – hanno preso decisioni che stanno causando sofferenza a queste persone».

 

 

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )