Batoste per gli amici di Putin, congelati beni a Olbia: nel mirino il magnate russo Mordaschov

venerdì 18 Marzo 19:40 - di Giorgia Castelli
oligarca

Congelato dalla Guardia di finanza di Olbia un complesso immobiliare tra i beni accostati al milionario e imprenditore russo Alexey Alexandrovich Mordaschov. Il Nucleo Speciale Polizia Valutaria della Guardia di Finanza ha infatti dato esecuzione ai provvedimenti di congelamento di cui al D.Lgs. 109/2007 emessi dal Comitato Sicurezza Finanziaria nei confronti di Mordaschov. Il provvedimento ha riguardato un complesso immobiliare ad uso residenziale situato nel Comune di Olbia, località Portisco, del valore di circa 105 milioni di euro.

Congelati beni all’oligarca Aven

Un altro congelamento di beni riconducibili a oligarchi russi vicini a Putin inseriti nella Black list dell’Ue era stato eseguito in Sardegna due giorni fa. La Guardia di Finanza ha “congelato” un complesso immobiliare di lusso nella provincia di Sassari, in località Punta Sardegna. La villa appartiene per un terzo al magnate Petr Olegovich Aven e la sua fetta di proprietà ha un valore di circa quattro milioni di euro.  Aven è uno degli oligarchi più vicini a Vladimir Putin.

Anche in Spagna le autorità spagnole hanno sequestrato un mega-yacht chiamato “Mezzaluna” attraccato nel porto di Tarragona nell’ambito delle indagini sugli asset degli oligarchi russi colpiti dalle sanzioni. Lo ha annunciato il ministero dei Trasporti spagnolo.

Secondo la stampa spagnola, lo yacht – del valore di circa 550 milioni di dollari – apparterrebbe a Igor Sechin, il ceo del colosso petrolifero russo Rosneft. L’imbarcazione, lunga 135 metri e considerata dalle riviste specializzate una delle più grandi al mondo, batte bandiera delle Isole Caiman e – secondo il sito Marine Traffic – è arrivata in Spagna dall’Italia nel novembre 2021.

L’oligarca Konov lascia la carica di presidente del cda di Sibur

Mentre l’oligarca russo Dmitry Konov, dopo la sua inclusione nella lista delle personalità da sanzionare in Ue e nel Regno Unito, lascia la carica di presidente del Consiglio di amministrazione di Sibur Holding. Lo ha reso noto Sibur in un comunicato secondo quanto riferisce l’agenzia russa “Tass”. «Dmitry Konov lascia la carica di presidente del Cda di Sibur Holding e si dimette anche dal Cda della società», si legge nella nota.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *