Un altro Natale con attacchi al presepe: spezzate le teste dei pastori in piazza a Grosseto (video)

lunedì 13 Dicembre 15:02 - di Lucio Meo

Teste spezzate, tracce di sangue sui pastori per effetto della colluttazione tra un vigilante e dei vandali scatenati contro il presepe sistemato in piazza Dante, a Grosseto. Un video mostra la devastazione compiuta, un video a circuito chiuso potrebbe aiutare a individuare i responsabili del gesto. L’attacco al presepe natalizio è avvenuto la notte, ad opera, forse, di giovinastri ubriachi in libera uscita. “Chi l’ha fatto come minimo deve beccarsi una bella sberla”, ha detto il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna. “Così non va bene, ho già segnalato: verificheremo chi sia stato a compiere questo atto ridicolo, vergognoso, nefando, inutile in un momento in cui si sta cercando di ripartire; ma se qualcuno sapesse qualcosa mi avvisi per velocizzare la cosa. Piazza Dante, il presepe vandalizzato non mi sta bene”. Anche l’anno scorso erano stati numerosi gli attacchi vandalici ai presepi.

Il presepe devastato e le teste spezzate dei pastori

Nel mirino, le testa di due dei tre Re Magi, lasciate poi in terra. I vandali si sono poi scagliati contro un vigilante che stava cercando di garantire la sicurezza nella piazza. Sconcertato anche il presidente della Pro loco di Batignano Luigi Scognamiglio, che ha realizzato il presepe per il Comune di Grosseto. “Al di là del valore – dice Scognamiglio – quello che fa più male è proprio il disprezzo, lo spregio che è stato fatto a un simbolo religioso come questo. Il presepe rappresenta un fatto affettivo ed è giusto ora interrogarsi sul perché un gruppo di ragazzini, nel cuore della notte, si siano spinti così oltre da aggredire addirittura un uomo che stava lavorando». Scognamiglio ha subito sistemato il presepe per restituirlo alla città in occasione delle festività natalizie, ma rimane amareggiato dall’accaduto: «Quello che è successo è grave: è giusto che chi ha compiuto questo atto venga punito”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *