Giuseppe e Maria sfrattati dal presepe della scuola: al loro posto il barcone dei migranti

sabato 7 dicembre 17:19 - di Leo Malaspina

Un presepe senza Giuseppe e Maria, con una capanna trasformata in barcone dei migranti. Al suo interno, non la culla di Gesù Bambino e neanche il bue e l’asinello ma immigrati contenti di essere approdati. Una composizione surreale, se non fosse vera. L’ultima trovata bizzarra dei dirigenti scolastici, in questo caso di una scuola di Prato, per testimoniare il tema dell’integrazione e della solidarietà. Con un’idea di contrapposizione tra la Natività e la solidarietà. Come se per fare entrare i migranti nel presepe, e anche in Italia, fosse necessario bandire le icone simboliche del Cristianesimo dal loro luogo più rappresentativo a Natale. Del resto, in Italia, la corsa della sinistra a “svuotare” le scuole dai riferimenti cattolici, per non “irritare” lo straniero, anche quest’anno è iniziata da subito. Nonostante l’appello del Papa. Che si ipotizza che si riferisse ai presepi con i suoi tradizionali ospiti sacri…

Il barcone al posto della capanna: il presepe dei migranti

“Un barcone al posto della capanna. Una famiglia di migranti al posto di Maria, Giuseppe e del bambinello. Sotto un mare in tempesta. Nel cielo, al posto delle stelle, ci sono le immagini di Liliana Segre, dei tre pompieri morti recentemente al Alessandria e del carabiniere ucciso a Roma. È il presepe che accoglie studenti, insegnanti e genitori della scuola Convenevole da Prato in via Primo maggio. Un allestimento che certo non passa inosservato e che raggiunge bene lo scopo di attratte attenzione e forse, vedremo, anche qualche critica”. Inizia così l’articolo della Nazione che tanto sta facendo discutere. “La volontà è quella di far riflettere sul tema dell’accoglienza, per capire se i ragazzi di oggi sono disposti ad accogliere o meno” ha detto una docente dell’istituto. Ma che colpa avevano Giuseppe e Maria per essere sfrattati dalla loro umile capanna?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • maurizio pinna 8 dicembre 2019

    Occorre che la gente di buona volontà prenda decisamente coscienza che è in atto un attacco sinistro, in cui , con la palese condiscendenza di politici, parti di Istituzioni colluse e clero quasi al completo, si cerca non solo di delegittimare ma , se si presentasse l’ occasione, anche di “eliminare” elementi di spicco di Lega e FdI. Ciò è normale nel rosso mucchio selvaggio. Consci della loro incapacità in TUTTO ritengono di poter dominare il Popolo con la violenza: in pratica è il perpetuo meccanismo di piazzale Loreto. Occorre essere vigili e lungimiranti, di fronte a dei movimenti che da tempo in un Paese normale verrebbero definiti al limite della sovversione, la coerenza non basta più.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica