Quattro frati per un’indemoniata: esorcismo da film horror nel santuario di Monte Berico

martedì 7 Dicembre 13:00 - di Penelope Corrado
santuario monte berico

Scene da film horror nel Santuario di Monte Berico a Vicenza, punto di ritrovo per gli esorcisimi. Quattro frati dell’Ordine dei Servi di Maria hanno eseguito un rito di esorcismo su una giovane vicentina che ha reagito in modo sorprendente, come nelle più classiche scene di film horror.

Come riferiscono i testimoni che domenica mattina hanno assistitito alla scena, la presunta “indemoniata” non ha solo sciorionato un repertorio di urla e bestemmie. Sarebbe anche saltata da un banco all’altro del santuario, parlando in lingue straniere e antiche. In pratica, secondo il canovaccio classico dei casi di esorcismo. Lo riferisce con dovizia di particolari Il Giornale di Vicenza.

Domenica esorcismo fuori programma al Santuario di Monte Berico

Domenica mattina, la madre della giovane vicentina, convinta che la ragazza fosse indemoniata, l’ha portata al santuario di Monte Berico per farle fare la confessione.  Quando la giovane ha messo piede nel confessionale la situazione è immediatamente degenerata. A quel punto l’indemoniata è saltata addosso al frate e ha iniziato a bestemmiare. Alcuni dei presenti l’avrebbero sentita esprimersi in diverse lingue, tra le quali il latino. «È stato spaventoso, orribile, – ha raccontato una fedele – anche perché alternava tre voci diverse».

All’interno del santuario di Monte Berico si è scatenato il panico tra chi era in attesa di fare la confessione o l’aveva terminata da poco. Il confessore aggredito dalla ragazza ha immediatamente chiesto l’aiuto di padre Giuseppe Bernardi, l’esorcista di Monte Berico, che è subito accorso assieme a padre Carlo Rossato, il priore, e ad altri due frati. I quattro religiosi hanno blindato le porte, allontanato tutti e iniziato l’esorcismo. Nel frattempo, i fedeli hanno cominciato a pregare nel piazzale, spaventati dalle urla provenivano dall’interno del santuario.

La ragazza, intorno alle 20.30, sarebbe svenuta, stremata. Secondo i religiosi quindi il rituale avrebbe avuto successo. A quel punto, la giovane è stata caricata dalla madre sull’auto e la famiglia è rientrata.

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *