site logo
Meloni
Politica

Anziano è solo in casa e cade, ecco cosa fanno gli agenti. Il “grazie” di Giorgia Meloni

26 dic 2021 di Aldo Garcon

«Da solo e senza parenti, cade in casa e non riesce a rialzarsi. La vicina fortunatamente sente la sua voce e chiama la Polizia di Stato che interviene per aiutarlo a mettersi a letto». Una storia che Giorgia Meloni racconta con un post su Facebook. «Ma gli agenti – scrive ancora la leader di Fratelli d’Italia – decidono, di loro iniziativa, di tornare il giorno dopo in visita dal signor Nazzario, per donargli un panettone e stare con lui. In questi giorni, non dimentichiamoci delle persone anziane e più fragili rimaste sole. Grazie a questi bravi agenti!».

Post di Giorgia Meloni, la reazione del web

Tanti i commenti al post di Giorgia Meloni. Scrive un utente: «Applausi alla vicina e alle forze dell’ordine». E un altro aggiunge: «Grazie a queste persone che si sono fatte avanti per donargli conforto. Buone feste al nonnetto e buone feste ai suoi angeli». Un altro osserva: «Dovrebbe essere compito dello Stato accudire gli italiani più deboli! Anche per questo paghiamo le tasse. Ma questo Stato è troppo impegnato a “salvare” il mondo…». Poi c’è chi scrive: «Queste sono le notizie che vogliamo sentire!!!». E chi mostra tutta la sua amarezza: «La civiltà di una Nazione si vede da come si prende cura dei propri anziani, dei propri bimbi e degli animali e in generale di tutti gli esseri in stato di debolezza. Questo ne fa una Nazione forte e proiettata verso il futuro. Non è il nostro caso».

«Il problema è lo Stato»

E infine un altro commenta duramente: «È l’assurdo dello Stato italiano. Il Comune dovrebbe sapere e conoscere le situazioni familiari delle persone anziane… I servizi sociali in primis dovrebbero esserne a conoscenza… Lo Stato sa che ci sono privati e associazioni che si fanno in quattro per dare una mano a chi ha bisogno, il volontariato, la Caritas. Lo Stato è il problema».

Commenti
Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. i campi contrassegnati con * sono obbligatori.