Ancora sbarchi, in 120 approdano a Lampedusa. Meloni: «L’immigrazione illegale non è un diritto»

lunedì 11 Ottobre 10:00 - di Fortunata Cerri
sbarchi

Ancora sbarchi. A Lampedusa nella notte un barcone con cento persone a bordo, tra cui 16 donne e 13 minori, di presunta nazionalità tunisina, è riuscito a eludere i controlli e approdare autonomamente al molo commerciale. I migranti sono stati rintracciati quando erano già a terra dai militari della Guardia di finanza. Il barcone è stato posto sotto sequestro e i migranti, dopo un primo triage sanitario, condotti all’hotspot di contrada Imbriacola. Si tratta del secondo approdo dopo giorni di tregua dovuta alle cattive condizioni meteo. Ieri in venti erano stati rintracciati dal pattugliatore delle Fiamme gialle a una decina di miglia dalle coste dell’isola.

Sbarchi, Meloni: «L’immigrazione illegale non è un diritto»

Il tema degli sbarchi e dell’immigrazione illegale continua a tenere alta l’attenzione. «La posizione di Fratelli d’Italia e di Ecr party è sempre la stessa: bisogna difendere i confini esterni dell’Unione europea», ha detto ieri Giorgia Meloni al Tg2 da Madrid, in occasione della festa organizzata da Vox.  Partito della destra spagnola che fa parte della famiglia dei Conservatori europei di cui Meloni è presidente.

«L’immigrazione illegale – ha puntualizzato – non è un diritto: le altre nazioni difendono i loro confini esterni e hanno questo buco dell’Italia che continua a far arrivare immigrati illegali e poi pretende che gli altri li dividano con noi».

«Non sono Polonia e Ungheria non volere la redistribuzione…»

«Ma non sono la Polonia o l’Ungheria a non volere quella redistribuzione. I primi a non volerlo sono la Germania e la Francia. L’unica soluzione è difendere i confini esterni», ha spiegato ancora la leader di FdI. «Sul fronte Mediterraneo la proposta di Fratelli d’Italia è sempre la stessa: blocco navale al largo delle coste della Libia. Apertura degli hot spot in Africa. Valutazione in Africa di chi ha diritto a essere rifugiato, e distribuzione solo dei rifugiati, equamente nei 27 Paesi dell’Ue».

Salvini: «Lamorgese ha reso i confini italiani un colabrodo»

E proprio sugli sbarchi, due giorni fa Matteo Salvini era tornato ad attaccare il ministro dell’Interno: «La Lamorgese è “preoccupata” perché dodici Paesi Europei vogliono bloccare l’immigrazione clandestina. E fanno bene». Il leader della Lega in un post sui social aveva poi aggiunto: «Io sono preoccupato perché la Lamorgese ha reso i confini italiani un colabrodo, con 50mila ingressi irregolari solo dal mare. Sveglia!».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *