Pioggia di adesioni al Manifesto conservatore per Roma. Ecco chi sono i primi duecento firmatari

martedì 28 Settembre 16:30 - di Redazione
manifesto conservatore roma

Oltre duecento adesioni per il Manifesto Conservatore per Roma (www.manifestoconservatore.roma.it) presentato il 13 settembre e promosso dalle realtà del pensiero popolare, cattolico, liberale. Professionalità di altissimo livello della cultura, del giornalismo, dell’imprenditoria, dell’associazionismo e dell’accademia italiana hanno aderito all’iniziativa, fortemente voluta dal presidente dell’Associazione Guido Carli, Federico Carli e da Giampaolo Rossi.

Nel documento una visione di Roma, e quindi dell’Italia, capace di coniugare libertà, bellezza, cultura, legalità, Mediterraneo, sostenibilità, spiritualità, solidarietà, sussidiarietà con futuro e concretezza.

Manifesto conservatore per Roma: chi ha aderito

«Siamo orgogliosi d’essere promotori», commenta Federico Carli  «di un documento che, in dieci punti, traccia una linea da seguire per affrontare e risolvere la crisi politica e di valori che opprime la nostra città. Salvare questa città, e l’Italia, vuol dire saper coniugare pensieri e idealità forti con professionalità capaci di guidare questo percorso di rinascita e per questo invitiamo tutti quelli che vogliono salvare Roma ad aderire, firmandolo, al manifesto».

«Questa sfida – prosegue la nota – vede protagoniste, con noi e tanti altri, personalità del Professor Vincenzo Mannino – Prorettore presso l’Univ. Roma Tre -, del prof. Francesco Saverio Marini – tra l’altro vicepresidente del Consiglio di Presidenza della Corte dei Conti -, del prof. Fabrizio Antolini – Presidente della Società Italiana di Scienze sul Turismo -, del prof. Francesco De Rosa – direttore delle Malattie infettive dell’Ospedale Cardinal Massaia di Asti -, di Anna Maria Gregori (giudice presso il Tribunale di Roma), del cavaliere del lavoro Bepi Lobuono, dei volti noti dello spettacolo Gabriella Carlucci e Steve La Chance, di Giorgia Meloni (presidente dei Conservatori europei), di Vittorio Sgarbi e di Enrico Michetti che, sottoscrivendolo convintamente il giorno della presentazione, ha indicato il Manifesto come bussola valoriale per la guida della città».

Il manifesto può essere letto e sottoscritto al seguente link.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *