La Matone polverizza la Raggi sulle Olimpiadi a Roma: non hai avuto coraggio, l’occasione è persa

lunedì 9 Agosto 19:46 - di Ginevra Sorrentino
Raggi Matone

Olimpiadi a Roma, un’occasione persa. Zingaretti accusa la Raggi, la Matone li zittisce entrambi: è mancato il coraggio… Tra i due litiganti, il terzo gode. Un vecchio motto che oggi una nuova disputa rinverdisce di linfa formale e di smalto polemico. E che, guarda caso, ben si adatta all’ultimo botta e risposta tra il governatore Zingaretti e la sindaca uscente, Virginia Raggi nel quale si inserisce con la forza della ragione e il valore aggiunto dello stile l’ex magistrato Simonetta Matone, Candidato Prosindaco a Roma nella squadra di centrodestra capitanata da Enrico Michetti.

Olimpiadi a Roma, botta-risposta Zingaretti-Raggi. Matone li zittisce

Ma andiamo ai fatti e alla loro sequenza cronologica. Tutto parte da un tweet del presidente di Regione, ancora una volta alle prese con l’ennesimo rimpallo di accuse e recriminazioni in corso con la sindaca grillina. «L’Italia con 40 medaglie alle Olimpiadi. Oggi Roma poteva festeggiare le Olimpiadi del 2024», cinguetta insinuando Zingaretti. Che poi prosegue: «Lavoro, sport, impianti, speranza, futuro. Invece festeggia Parigi per colpa dell’ennesimo drammatico errore commesso dall’attuale Sindaca Raggi».

Zingaretti, no a Roma 2024 «drammatico errore della Raggi». La sindaca replica

La Raggi non ci sta. E ormai allenata alla replica al vetriolo, prontamente ribatte su Twitter: «Nicola Zingaretti per come avete ridotto Roma prima che arrivassi io era inimmaginabile candidarsi alle Olimpiadi. La città non avrebbe retto. Colpa dell’ennesimo e drammatico errore commesso dal Pd. Adesso, invece, dopo aver risanato i  conti Roma può correre. Infatti puntiamo a Expo 2030». Una guerra tra perdenti, dove ognuno dei duellanti ha troppe colpe da sanare prima di poter gridare allo scandalo dell’altro.

Matone interviene sullo scontro tra governatore e sindaca, alleati di governo

Uno scontro tra alleati di governo che procedono ormai in ordine sparso, un contro l’altro armati. Un campo minato, insomma, quello in cui si muovono goffamente governatore e sindaca, nel quale ha buon gioco di inserirsi Simonetta Matone che, inserendosi nella interminabile diatriba tra i due, assesta colpi a destra e a manca, ripartendo salomonicamente responsabilità e mancanze reciproche. E rilevando opportunamente che: «Pensare che nel 2024 le Olimpiadi potevano essere a Roma mi fa dire che una Amministrazione per prima cosa deve avere coraggio».

Olimpiadi Roma, Matone alla Raggi: occasione persa, è mancato il coraggio

Perché, «se dobbiamo fermarci a gestire una decrescita felice è totalmente inutile fare politica. La sostenibilità economica di qualsiasi impresa o iniziativa non può fermarsi al dissesto delle casse». Anche perché, assesta il colpo di fioretto finale la Matone, è «troppo facile dire “non ci sono soldi e non faccio l’Olimpiade”. Peccato che lo stesso discorso viene fatto per emergenze come quelle dei rifiuti e dei trasporti».

Dopo aver surclassato Zingaretti e Raggi, la Matone passa il testimone a Malagò

Nessun vincitore, insomma, tra Zingaretti e Raggi: sul fronte gestionale perdono entrambi. Ora, l’occasione per il riscatto è nelle mani del Presidente del Coni Malagò. Al quale Simonetta Matone passa idealmente il testimone dichiarando: «A lui, dopo 40 medaglie, il difficile compito di chiedere al Governo un grande piano per lo sport di base, dal quale spesso nascono le medaglie olimpiche».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *