Covid, altri 3.377 contagi e 67 morti: il tasso di positività è all’1%. Sospesi 767 medici No vax

martedì 21 Settembre 19:51 - di Fortunata Cerri
Covid

Sono 3.377 i contagi da coronavirus in Italia oggi, secondo numeri e dati Covid nel bollettino del ministero della Salute e della Protezione Civile. Da ieri, registrati altri 67 morti. I nuovi casi sono stati individuati su 330.275 tamponi, l’indice di positività è all’1%.

Covid, in calo i ricoverati in terapia intensiva

In calo (-45) i ricoverati con sintomi rispetto a ieri e anche i ricoverati in terapia intensiva (-7). In totale i ricoverati sono 3.937, quelli in terapia intensiva sono 516 con 38 ingressi del giorno. La Sicilia resta la prima regione in Italia per contagi giornalieri.

Covid, sospesi 767 medici non vaccinati

Quanto alle vaccinazioni sono attualmente 767 i medici sospesi per non essersi ancora vaccinati contro Covid-19. Dall’inizio le sospensioni comunicate alla Fnomceo (Federazione nazionale Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri) da 55 Ordini sono state 1.016. Di queste, 249 sono state poi revocate per l’avvenuta vaccinazione. Ad aggiornare i numeri è la stessa Fnomceo. La Federazione ricorda che sono 460mila i medici e gli odontoiatri italiani.

Covid, per Halloween il vaccino per gli under 12

Per quanto riguarda poi il vaccino anti-Covid per i bambini tra 5 e 11 anni potremmo averlo entro Halloween. È il pronostico “ottimista” che il presidente della Federazione medici pediatri (Fimp), Paolo Biasci, fa all’Adnkronos Salute.

“I risultati” sul vaccino di Pfizer-BioNTech «sono molto confortanti – afferma – Del resto finora il vaccino aveva dato nelle sperimentazioni esiti sempre molto soddisfacenti. Nella fascia d’età 12-18 anni – ricorda il pediatra – aveva dato dei risultati sia in termini di sicurezza sia in termini di efficacia molto elevati, e questo chiaramente è stato il presupposto per andare avanti con le sperimentazioni nelle età dei più piccoli, con risultati molto importanti».

Biasci (Fimp) “ottimista” sui tempi

«Adesso – sottolinea Biasci – sappiamo che dovranno lavorare le agenzie regolatorie, sia la Fda negli Stati Uniti che l’Ema in Europa, e credo che nel giro di poche settimane avremo una approvazione all’uso definitiva. Forse sono un po’ ottimista e dobbiamo esserlo sempre – raccomanda – ma spero che per Halloween potremmo farcela a iniziare a vaccinare la fascia di età tra dai 5 agli 11 anni che fino ad oggi è rimasta esclusa, ma che potremo recuperare».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *