Usa, l’ombra del pedofilo Epstein sul divorzio dei Gates. Melinda non voleva che Bill lo frequentasse

lunedì 10 Maggio 19:04 - di Redazione
Melinda Gates

Altro che fulmine a ciel sereno. Già, si chiama Jeffrey Epstein, il finanziere suicidatosi in cella nei mesi precedenti dopo l’arresto per traffico sessuale di minorenni, il motivo del divorzio dei Gates dopo 27 anni di matrimonio. Melinda Gates ne cominciò a discutere con alcuni avvocati specializzati nell’ottobre 2019, lo stesso mese in cui il New York Times rivelò i numerosi incontri del marito con il controverso tycoon.  La signora Gates nutriva una vera e propria repulsione verso Epstein. Lo aveva incontrato con il marito nel 2013 a Manhattan quando era già chiacchierato per le accuse di aver sfruttato sessualmente delle ragazzine. E si era sentita a disagio. Per questo aveva chiesto a Bill di troncare ogni rapporto.

Il retroscena svelato dal WSJ

A svelare gli ultimi retroscena della separazione è l’austero Wall Street Journal. Ma non è l’unico ad accodarsi ai tabloid Usa più pruriginosi. Lo stesso New York Times si è spinto a leggere nel body language di Melinda Gates segnali di frizioni con il marito sin da alcune apparizioni pubbliche nel 2014. Il magazine People, dal canto suo, conferma che la decisione di separarsi solo ora era legata all’attesa che Phoebe, la più giovane dei tre figli, diventasse maggiorenne. Nei giorni scorsi invece i rotocalchi americani si erano sbizzarriti con altri gossip, puntando i fari sull’interprete cinese Zhe “Shelly” Wang, che ha lavorato per la fondazione Gates dal 2015. E su Ann Winblad, imprenditrice tecnologica ed ex-fidanzata di Bill, che passava con lei ogni primavera un weekend lungo nella sua casa al mare, con il consenso della moglie.

Melinda Gates ha deciso di separarsi nel 2019

Ma ora, documenti e date alla mano, il caso Epstein sembra aver svolto un ruolo cruciale nell’avvio delle pratiche di un divorzio forse già nell’aria da tempo. Melinda Gates, impegnata nel promuovere i diritti delle donne, era uscita furiosa da quella visita nella residenza del finanziere e aveva messo in guardia il marito. Che invece continuò a frequentarlo, accettando anche un passaggio sul Lolita, il suo jet privato usato per trasportare le minorenni nelle sue lussuose magioni. Le prime telefonate della donna agli avvocati risalgono proprio all’ottobre 2019, quando diventarono pubblici gli incontri tra i due magnati. La coppia cominciò a negoziare la separazione nei mesi successivi, nell’anno della pandemia, disertando il forum economico di Davos poco prima che Bill si dimettesse dal board di Microsoft e Berkshire Hathaway.

Gli ex-coniugi si divideranno 130 miliardi di dollari

Bill, tramite un portavoce, ha sempre sostenuto di aver visto Epstein solo per discutere di filantropia, pur rammaricandosi della scelta. Ma non è bastato a fermare Melinda, che ha scelto tra i suoi legali Stephan Cohen, l’avvocato del divorzio di Michael Bloomberg e di Ivana Trump, la prima moglie dell‘ex presidente Usa. Bill si è affidato invece, tra gli altri, a Ronald Olson, che ha rappresentato anche Marck Zuckerberg. La coppia avrebbe deciso di dividere equamente gli asset di una fortuna stimata in oltre 130 miliardi di dollari. Nei giorni scorsi Melinda Gates ha già incassato i primi trasferimenti per un totale di 2,4 miliardi di dollari. Entrambi resteranno co-presidenti della loro fondazione di beneficenza ma resta da vedere se continueranno a condividere priorità e filosofia organizzativa.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )