Nel 2018 Bill Gates diceva: “Un virus dall’Asia farà milioni di morti”

sabato 15 Febbraio 14:48 - di Laura Ferrari

Se il coronavirus dovesse diffondersi anche in Africa la situazione sarebbe “più drammatica che in Cina”. Lo ha sottolineato il fondatore di Miscrosoft, Bill Gates, intervenendo a Seattle ad una conferenza della American Association for the Advancement of Science. “Ci sono molte cose che non sappiamo sull’epidemia in corso, ma molto di quello che sappiamo dimostra che potrebbe essere, se si diffonderà nell’Africa sub sahariana o nell’Asia meridionale, particolarmente drammatica”, ha detto Gates, sottolineando di non voler con questo “minimizzare” quanto sta accadendo in Cina.

L’allarme di Bill Gates: arriverà un virus da 30 milioni di morti

La fondazione filantropica di Gates e la moglie Melinda ha destinato 100 milioni di dollari per la lotta all’epidemia e la ricerca di un vaccino. Da alcuni anni, il fondatore di Windows è impegnato in quella che sembrava, fino a pochi mesi fa, una crociata apocalittica.  Il miliardario americano aveva reiterato l’allarme due anni fa, a un incontro organizzato dal New England Journal of Medicine. Durante il suo intervento Gates aveva presentato una proiezione dell’Institute for Disease Modeling di Washington secondo cui un eventuale nuovo virus influenzale pandemico come quello del 1918 avrebbe causato appunto almeno 33 milioni di morti nei primi sei mesi, con tanto di simulazione dell’andamento. Una previsione del coronavirus?

Bill Gates, l’articolo del Secolo

La profezia di Bill Gates: il virus arriverà dall’Asia

Una profezia che indovinato anche la zona di provenienza. La culla più probabile sarà l’Asia, diceva nel 2018 Gates. “Secondo la simulazione basterebbero pochi giorni per avere casi in tutto il mondo. E lo scenario – diceva Gates – è verosimile entro i prossimi dieci anni”. Ne sono passati solo due. Il filantropo americano citava «nuovi patogeni, come il virus Mers o la Sars. Emergono spesso con l’aumento della popolazione che erode gli ambienti ancora selvaggi». «Un piccolo gruppo potrebbe costruire una forma ancora più letale di vaiolo in laboratorio. E in un mondo interconnesso le persone prendono spesso l’aereo, saltando da un continente all’altro nell’arco di poche ore». Uno scenario inquietante, come quello che stiamo vivendo ora.

L’intervista al “Washington Post”

Eppure, nonostante gli allarmi, aveva sottolineato il fondatore di Microsoft, il mondo non sembrava preoccupato. «Se qualcuno dicesse ai governanti mondiali che sono in costruzione armi che potrebbero uccidere 30 milioni di persone ci sarebbe un senso di urgenza nel prepararsi per la minaccia – ha affermato Gates, citato dal Washington Post – In caso di pericolo biologico invece questo senso d’urgenza non c’è. Il mondo deve prepararsi a questa eventualità come si prepara per la guerra». Col senno di poi, è una profezia che ha evocato qualcosa di molto simile al coronavirus.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • pietro meucci 15 Febbraio 2020

    “… se si diffonderà nell’Africa sub sahariana o nell’Asia meridionale, particolarmente drammatica”. ???
    Direi particolarmente provvidenziale !

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica