Roma, tensione sul Lungotevere: immigrato spruzza salsa addosso a una donna e la rapina

sabato 1 Maggio 16:11 - di Edoardo Valci
Lungotevere

Cinquecento euro. È quanto aveva nelle tasche un immigrato, presumibilmente il bottino di una rapina con la tecnica della senape. Il tutto sul Lungotevere di Roma, per la prccisione sul centralissimo ponte Margherita. Durante i servizi di controllo nella zona, una pattuglia ha bloccato un uomo che tentava di darsi alla fuga. Poco prima aveva rubato un portafoglio ad una donna di 53 anni, usando il trucco.

Lungotevere, la rapina con la salsa

Il fermato, 34 anni di nazionalità peruviana, ha visto la vittima che prelevava soldi da un bancomat. L’ha seguita e le ha spruzzato salsa addosso per distrarla. Poi le ha sottratto il portafoglio dalla borsa. Fortunatamente due ragazzi di 17 e 26 anni hanno visto la scena e hanno allertato una pattuglia dei caschi bianchi. Gli agenti sono riusciti a bloccare e ad arrestare il 34enne. L’hanno accompagnato negli uffici di via della Greca, dove è stato trovato in possesso di oltre 500 euro e dollari americani.

Scattano le manette

Poco dopo e a qualche centinaia di metri di distanza, sul lungotevere, sempre gli agenti del I Gruppo “ex Trevi” hanno arrestato un parcheggiatore abusivo per resistenza e lesioni. Il trentenne, di nazionalità nigeriana, dopo essersi opposto a un controllo, ha tentato di darsi alla fuga cercando più volte di colpire gli operanti i quali lo hanno fermato e posto in stato arresto. Accompagnato negli uffici del comando di via della Greca  è stato quindi messo a disposizione dell’Autorità Giudiziara e processato con rito direttissimo in Tribunale.

Immigrato beccato al quartiere Esquilino

Ma non solo. I carabinieri hanno bloccato un immigrato nigeriano di 28 anni nel quartiere Esquilino. Avava già avuto una denuncia nello scorso mese di ottobre per precedente analogo. Era  in possesso di 64 telefoni cellulari, un tablet e 3 costosi pc portatili dei quali non ha saputo fornire una valida provenienza.

Per continuare a leggere l'articolo sostienici oppure accedi