Congo, ecco perché il convoglio era senza scorta: autorizzato dal governo locale

lunedì 22 Febbraio 17:13 - di Roberto Frulli

Viaggiava senza scorta il convoglio nel quale vi erano l’ambasciatore italiano, Luca Attisani, il carabiniere del 13º Reggimento, Vittorio Iacovacci, e il loro autista ammazzati durante un tentativo di rapimento da quelli che si ritiene possano essere ribelli utsi.

Il governo locale, secondo quanto raccontanti fonti dell’intelligence all’Adnkronos, aveva autorizzato il movimento senza scorta del convoglio del World Food Program di cui faceva parte l’ambasciatore italiano a Kinshasa, attaccato nella parte orientale della Repubblica democratica del Congo.

Il convoglio “stava recandosi da Goma a visitare il programma di distribuzione di cibo nelle scuole del Wfp a Rutshuru“, rivela l’agenzia dell’Onu in un comunicato in cui precisa che “precedentemente era stato autorizzato il viaggio su quella strada senza una scorta di sicurezza“.

Secondo il Wfp oltre alle tre vittime – l’ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci ed un autista dell’agenzia dell’Onu – “altri passeggeri che viaggiavano con la delegazione sono rimasti feriti“.

“Non c’è assolutamente da stupirsi, se il convoglio con a bordo l’ambasciatore italiano, nella Repubblica democratica del Congo, viaggiava senza una scorta“, spiega all’AdnKronos il generale Marco Bertolini, ex comandante del Coi, il Comitato operativo di vertice interforze, ed ex-comandante del nono Col Moschin, le Forze Speciali dell’Esercito.

“Intanto – osserva Bertolini – l’ambasciatore non si muoveva da solo ma aveva accanto a lui un carabiniere per la sua protezione personale, come elemento di sicurezza e di dissuasione, purtroppo morti entrambi. Dunque, una certa dimensione di sicurezza era stata assicurata”.

”Dopo di che – aggiunge il generale – la Repubblica democratica del Congo è un Paese enorme, quasi un continente rispetto all’Italia, con zone ad alto rischio e zone considerate meno rischiose. Evidentemente, il convoglio Onu si muoveva all’interno di un’area che era considerata tranquilla, al punto da non necessitare di un convoglio di scorta. Sicuramente, a quei livelli non si agisce certo con leggerezza…”.

Ma, aggiunge l’ex-comandante del Coi, “al di là del caso specifico congolese, conosco e ho visto tanti nostri ambasciatori in Paesi a rischio, dalla Somalia all’Afghanistan, spostarsi in certe situazioni e in determinate zone anche senza scorta. Se un ambasciatore dovesse muoversi sempre, all’interno di certi Paesi, con un convoglio di scorta, non basterebbero le intere nostre forze armate a proteggerlo…”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Kk 23 Febbraio 2021

    Certo non basterebbero. Occorre fare la scorta alla Boldrini