Calano contagi e morti (498). I vaccini slittano a metà gennaio: Arcuri smentisce Speranza

domenica 13 Dicembre 17:35 - di

Buone notizie sul fronte Covid, anche se i dati risentono del numero di tamponi più basso effettuato nel fine settimana. Sono 17.938 i contagi da coronavirus resi noti oggi in Italia secondo i dati contenuti nel bollettino diffuso dal ministero della Salute. In calo il numero dei decessi con 484 morti (ieri 649) che portano il totale delle vittime a 64.520 da inizio emergenza. Sono 27.735 le persone ricoverate con sintomi, 3.158 quelle in terapia intensiva. Le persone attualmente positive in Italia sono 686.031 (+1.183) mentre i guariti ammontano a 1.093.161 (+16.270). Sono i dati del Ministero della Salute pubblicati sul sito della Protezione civile. Per quanto riguarda le regioni più contagiate, si registrano 4.092 nuovi casi in Veneto, 2.335 in Lombardia e 1.940 in Emilia Romagna.

Covid, il vaccino già slitta a metà gennaio

Primo slittamento nei tempi per la somministrazione dei vaccini. Dopo gli annunci dei ministri Speranza e Boccia, che ieri avevano parlato del 6 gennaio come primo giorno, oggi il commissario all’emergenza coronavirus ha già spostato a metà dello stesso mese il termine. “Abbiamo, nei giorni scorsi, condiviso con il primo produttore le modalità di ricezione e somministrazione dei primi vaccini (anti covid ndr) che, speriamo venga confermato, possano essere somministrati al primo milione e 800mila italiani a partire dalla metà di gennaio”. Arcuri ha presentato oggi la primula come simbolo della campagna di vaccinazione. “Auspico con tutta la forza che ho che questa comunità possa ritrovarsi intorno a questo simbolo della rinascita, come anche slogan della campagna per la vaccinazione”, ha aggiunto il commissario straordinario all’emergenza coronaviru.

Bernini: “Più che la primula, ci interessano i vaccini”

“Il premier Conte aveva parlato di un vaccino pronto per essere somministrato già a Natale, poi il ministro Speranza aveva annunciato la prima dose entro l’Epifania. Adesso, ascoltando le parole del commissario straordinario Arcuri, si slitta forse a metà gennaio. In compenso sappiamo che le città italiane ospiteranno per le vaccinazioni 1500 padiglioni a forma di primula come simbolo di rinascita. Ma è il caso classico in cui la forma non diventa sostanza: servono i vaccini prima possibile, non le primule”. Lo dichiara in una nota la presidente dei senatori di Forza Italia Anna Maria Bernini.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica