Zaia: «Siamo in guerra, serve l’autodiagnosi. Ma il governo gioca al piccolo chimico»

sabato 10 Ottobre 11:13 - di Giorgia Castelli
Zaia

«Siamo in guerra. Il piano di sanità pubblica funziona se i cittadini potranno farsi l’autodiagnosi. Il Veneto è già pronto per un test di questo tipo, lo stiamo sperimentando e presto porremo la questione». Lo afferma il governatore veneto Luca Zaia in un’intervista a La Verità. «Ci sono 20 multinazionali che producono i test rapidi e soprattutto i test di autodiagnosi certificati da enti internazionali. Non c’è più nulla da inventare o da sperimentare. Ma noi siamo ancora fermi perché prendiamo il prodotto certificato dalla Fda negli Usa e ci mettiamo come il piccolo chimico a ricontrollare tutto», sottolinea.

Zaia: «Non accetto lezioncine e tirate d’orecchi»

Per Zaia «dire che le Regioni hanno dormito significa non conoscere la verità (…). Le regioni hanno sempre votato tutti i provvedimenti del governo, mai una che si sia rivolta al Tar. Dopo tutti questi mesi di grande collaborazione non ci meritiamo un atteggiamento del genere. E non mi sembra che le Regioni si siano mosse male. Se qualcuno lo ritiene faccia nomi e cognomi. Ma non accetto lezioncine e tirate d’orecchi».

L’appello ai cittadini: «Usate la mascherina»

«Ai cittadini dico: usate la mascherina – conclude Zaia – Per fortuna, con questo virus la prevenzione non si fa prendendo pastiglie. Dagli 11mila medici in Veneto, solo l’1,8% si è infettato di Covid, pur lavorando in mezzo a pazienti Covid, proprio perché usava la mascherina».

Zaia: «In Veneto presto tamponi “fai da te”»

Nei giorni scorsi Zaia aveva annunciato che il Veneto presto sarà pronto ai tamponi “fai da te”. «In Veneto stiamo lavorando ad un tampone rapido in autosomministrazione. È un metodo che mutuiamo dall’estero e che permetterà ai cittadini di farsi da soli un test rapido. Il dottor Roberto Rigoli dell’ospedale di Treviso ci sta lavorando giorno e notte e credo che sarà pronto nel giro di 15 giorni»

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica