Bertolaso è un fiume in piena: il governo in estate ha dormito. Di Maio e Conte parlano a vanvera

giovedì 15 Ottobre 19:00 - di Redazione

Guido Bertolaso è un fiume in piena contro il governo che ha a suo avviso gravi responsabilità sulla gestione dell’epidemia.  L’ex numero uno della protezione civile spiega che in Italia è ripresa a salire fortemente la curva dei contagi perché il governo durante l’estate ha dormito.

Bertolaso: d’estate il governo ha dormito, pensava alle regionali

”Stiamo parlando di una realtà istituzionale che ha completamente dormito nel corso dell’estate -dice Bertolaso- si preoccupavano dei sondaggi, di scrivere sui social, di organizzare le elezioni regionali, ma certamente non si sono preoccupati di prevedere l’arrivo della seconda ondata quando in tutto il mondo, dall’Oms ad esperti e scienziati dicevano che sarebbe arrivata”.

Non hanno saputo prevenire

Secondo Bertolaso ”adesso sul possibile lockdown fa comodo richiamare tutti al senso di responsabilità degli italiani -sottolinea- ma non si fa così: dipende dal premier Conte e dai suoi uomini di governo. Loro dovevano mettere in piedi prima le misure necessarie ad evitare nuovi lockdown”. Mentre nei mesi scorsi ”sono state prese decisioni senza mettere in piedi una strategia in grado di prevenire situazioni come questa”.

Su tamponi e vaccini ritardi e impreparazione

Insomma ”l’esecutivo ha pesanti responsabilità. Metterei loro in lockdown. Chi doveva -si chiede- organizzare a maggio una fornitura di tamponi in modo che tutti potessero avere accesso in tempi rapidissimi in qualsiasi parte d’Italia? Chi doveva organizzare le vaccinazioni antinfluenzali? L’anno scorso in questo periodo eravamo già tutti vaccinati, quest’anno invece è merce rarissima il vaccino antinfluenzale”.

La gara per i posti di rianimazione fatta solo il 2 ottobre

Ma non solo. ”Vogliamo parlare dei 5500 letti per la rianimazione previsti dal decreto del 18 maggio? Hanno fatto la gara il 2 di ottobre, quindi tra 5 anni, quando la pandemia sarà finita, avremo i letti previsti. E chi stiamo tracciando? Immuni non funziona per niente”.

Per la scuola non organizzati i trasporti

Per non parlare della scuola. ”Che che ne dica la propaganda istituzionale, gli studenti fanno uno o due giorni a settimana, il resto è tutto online. Eppure sarebbero bastati uno, massimo 2 milioni a settimana per utilizzare i 100 mila torpedoni fermi nei parcheggi in Italia e trasportare gli studenti a scuola. Ripeto la colpa è di chi non ha saputo governare questa situazione di emergenza nel corso dell’estate. A chiacchiere si può anche raccontare come fa il ministro degli Esteri che l’epidemia è finita e che il vaccino arriverà a dicembre, ma mi chiedo: Di Maio è un medico? E’ uno scienziato? Tutti che parlano a vanvera”.

Hanno sprecato un sacco di risorse

La realtà ”e’ che si spendono i soldi pubblici in modo sbagliato, in iniziative bizzarre. Basti pensare ai banchi con le rotelle, una sciocchezza estiva pagata a peso d’oro, o al miliardo e mezzo stanziato per i letti di terapia intensiva che arriveranno tra cinque anni. Hanno davvero sprecato un sacco di risorse andando a tutelare interessi che non erano quelli della maggioranza della cittadinanza”.

Ora si rischia un grave disagio sociale ed economico

Mentre secondo Bertolaso i soldi ”andavano spesi per organizzare un’indagine a tappeto per testare tutti gli italiani. Questo e’ l’unico modo per riuscire a contrastare l’epidemia”. Anche perché altrimenti, con le curve del contagio che galoppano in Europa ”rischiamo di vivere molti mesi in sofferenza, con drammatiche ripercussioni sull’economa del nostro paese e causando anche un grandissimo disagio sociale. Si pagheranno cioè le conseguenze dell’inerzia dei mesi estivi. Perché da qui non si scappa: ci vuole su questo fronte un sistema organizzativo che purtroppo al momento manca e non abbiamo più molto tempo per metterlo in piedi”.

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *