«Butti tutto nel cesso»: non c’è pace per Di Maio, contestato pure a Avellino. L’ex attivista furioso… (video)

venerdì 18 Settembre 15:02 - di Ginevra Sorrentino
Di Maio contestato ad Avellino frame da video Youtube

Di Maio contestato a Avellino. Pure… Non c’è pace per lui. Ovunque vada, specie nella sua Campania, lo fanno a pezzi. L’ultima conferma, dopo il deserto che ha trovato nella sua Pomigliano. Dopo la clamorosa secchiata incassata a San Giorgio Cremano. Dopo la denuncia di Galeazzo Bignami che lo ha trovato a spasso a Faenza, a un comizio Pd con tanto di scorta e auto blu, arrivano le immagini (e soprattutto le parole) urlate da un ex attivista inferocito ad Avellino.

Di Maio contestato a Avellino. Pure…

«Mai col partito di Bibbiano? E ci costi pure 700mila euro all’anno. Tu e il tuo staff!». E subito dopo: «Hai tradito l’impegno di tutti, l’hai buttato nel cesso». E ancora: «Ti ho denunciato, ci vediamo in Procura ad Avellino». «Sono stato un attivista grillino per dieci anni, ma quando noi eravamo candidati ad Avellino nemmeno i santini potevamo distribuire, altrimenti venivamo espulsi proprio da lui. E una vergogna!». Clamorosa contestazione per Luigi Di Maio, durante un comizio del Movimento 5 Stelle ad Avellino. Di fatto “a casa sua” in Campania, dove sembra che ci siano gli ex militanti ed ex elettori più delusi e indignati che mai…

Ex attivista urla improperi e rabbia contro il ministro

Non a caso, proprio mentre il ministro degli Esteri è sul palco nella città campana per dispensare pillole di saggezza movimentista, un ex militante furioso lo affronta a brutto muso e lo incalza con denunce e rimbrotti. Rabbia gridata tra la folla, mentre viene placcato dal servizio d’ordine che gli intima di allontanarsi. Neutralizzato, ma solo in parte, l’uomo furibonda pensa bene di rivolgersi all’esiguo pubblico in piazza e comincia a urlare: «Votate no al referendum, votate no, votate no!». Dando già per scontata la debacle alle regionali… Una chiara incitazione anti-grillina e anti-ministro 5S che arriva come un sonoro schiaffo in faccia al ministro in comizio. Il video, neanche a dirlo, è immediatamente diventato virale sui social, condiviso con tronfia soddisfazione...

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica