Agenzia delle Entrate, raffica di nomine con la scusa del Covid 19. La protesta di Confintesa

giovedì 2 Aprile 13:55 - di Redazione

Ormai il Covid-19 è la scusante per fare ciò che si vuole all’interno dell’Agenzia delle Entrate o meglio per promuovere o spostare persone, le più funzionali possibile ai desiderata del suo direttore.”

Lo afferma Claudia Ratti segretario generale di Confintesa  in ordine al conferimento di nomine in posizioni di vertice da parte del Direttore dell’Agenzia delle Entrate approfittando del particolare momento emergenziale dovuto al Covid-19. 

Il Direttore Dell’Agenzia delle Entrate Ernesto Maria Ruffini, approfittando del collocamento a riposo di tre Direttori Regionali dell’Agenzia, ha nominato ben 16 dirigenti di vertice eludendo il  parere valutativo del Comitato di Gestione così come previsto dal Dlgs n.33/2013.

La cosa grave – continua Ratti – è che il Direttore Ruffini ha giustificato le nomine con  la “situazione attuale che risulta ancor più critica a causa dall’emergenza epidemiologica Covid-19,” e approfittando del fatto che il Comitato di Gestione è scaduto e non è stato rinnovato ha proceduto motu proprio alle nomine allargandole ad altri settori operativi dell’Agenzia.

Ricordiamo al Direttore Ruffini – continua la sindacalista di Confintesa – che il Comitato di Gestione “valuta le scelte strategiche aziendali ed esprime parere in tutti i casi previsti dalle disposizioni del decreto istitutivo” e che in questo momento emergenziale c’è anche una consistente diminuzione di molte attività compresa quella dell’Agenzia delle Entrate”.

“Non c’era – conclude Claudia Ratti– tutta questa indifferibilità ed urgenza di nominare tanti dirigenti di vertice bypassando la normativa prevista per queste nomine. Bastava utilizzare il conferimento temporaneo a funzionari interni per sopperire alle posizioni lasciate scoperte e sottoporre poi, come prevede la legge, le nomine al nuovo Comitato di Gestione. Ruffini ha fatto altre scelte. Perché?  Per dirla con una frase del Senatore Andreotti, a pensar male si fa peccato ma qualche volta ci si azzecca.”

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • MICHELE fuccilo 3 Aprile 2020

    Pensate un po’ che la maggior parte dei dirigenti della pubblica amministrazione sono degli imbecilli distinti in due schiere.
    La prima è formata da gente che vive di chiacchiere, non è, e non è mai stata in grado di affrontare le problematiche e quindi decidere. Sono figli del sottobosco tipico ed unico italiano (sindacalisti, mezze figure politiche, porta borse etc.)
    La seconda è formata da persone serie, ed a volte ben qualificate, studiose delle problematiche e sempre pronte ad affrontare e tentare di risolvere le problematiche. Ma ecco l’intoppo. Allorchè propongono la soluzione ai superiori, vengono frenate con la tipica espressione:” ma è da sempre che andiamo avanti così, perché cambiare. ma lascia perdere, chi te la fa fare…..”
    Ecco allora la categoria degli irresponsabili perché incapaci e la categoria degli irresponsabili perché, pur volendo assumere le responsabilità che competano loro, non viene loro permesso…e la burocrazia perpetua la stirpe!!!
    Ovviamente, non è così in Francia, Germania etc.
    Fidatevi, la fonte è attendibilissima
    Un saluto michele

  • lamberto lari 3 Aprile 2020

    e DPO LE NOMINE ALL’UFF. DELLE ENTRATE SIORI E SIORE ……PREPARATEVI A QUELLE DELL’INPS. Tutti BANDITI da galera. Ma quanto costano allo stato questi baracconi???? rIDUCIAMO A UN TERZO QUESTE CATTEDRALI DI BUROCATRI

  • Lucia 3 Aprile 2020

    In questa fase di Covid19 in cui tutte le attività sono ferme allora mi chiedo come mai tanta fretta per le nuove nomine da parte del direttore Ruffini? Approfittando del collocamento a riposo di tre Direttori regionali dell’Agenzia ha nominato 16 dirigenti di vertice tralasciando il parere valutativo del Comitato di Gestione come previsto dal Dlgs n.33/2013. Da cittadino comune che paga regolarmente le tasse perchè tante nomine di Dirigenti, con alti stipendi, quando la crisi dovrebbe colpire tutti indistintamente? Questo è uno sperpero di danaro per cui chiedo a chi di competenza rivedere le deleghe date al Direttore Ruffini:

  • VINCENZO 2 Aprile 2020

    Pienamente d’accordo, un abuso a tutti gli effetti, magari per agevolare qualche raccomandato dalla santa sede?????

  • Sostienici

    In evidenza

    News dalla politica

    Array ( [0] => ppm-bundle )
    Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )