Sondaggio Swg: FdI a un passo dal sorpasso sul M5S, sale la Lega. Tutti i dati

martedì 18 febbraio 10:17 - di Adriana De Conto
Sondaggio

Sondaggio di inizio settimana. Cresce la Lega, FdI abbondantemente sopra l’11%,  FI al 5,1%: il centrodestra, con Cambiamo (1,2%), è al 50%. Lieve calo del Pd, il M5s sotto di un punto al 13%, Renzi poco sopra il 4%. Con buona pace di Enrico Mentana, impallidito durante l’illustrazione del sondaggo Swg per il Tg de La 7. Nello scontro tra Conte e il leader di Italia Viva, il 42% degli italiani è col premier, il 19% con Renzi, ma il 38% dà torto ad entrambi.

Sondaggio: sprofondo a 5Stelle

Rispetto ad una settimana fa si registra l’ulteriore assottigliamento del M5S, che perde un punto netto e scende sotto la soglia psicologica del 14%, assestandosi al 13%. Una “liquefazione” progressiva, che non ha conosiutao sosta ormai da mesi. Nonostante il ritorno in piazza dei grillini, i consensi stanno venendo meno. Speravano nella  manifestazione anti-vitalizi. Ma gli italiani non abboccano. Il sorpasso di FdI è alle porte.

Prosegue l’ascesa di FdI.  Giorgia Meloni conquista un altro 0,5, tocca l‘11,3% e si prepara con questo trend a superare il M5S. FdI è la costante di tutti i sondaggi: cambiano i numeri (Demos dava Giorgia Meloni al 13% pochi giorni fa), ma il progresso è incessante. Bene anche la Lega di Matteo Salvini, che recupera uno 0,2 e fa registrare il 32,4%, rimanendo largamente il primo partito. E facendo rimanere male tutti i suoi detrattori, che speravanogià nell’effetto negativo delle sue parole sull’aborto. Niente da fare, la Lega non perde consensi in questa fase.

Il sondaggio registra un Pd che non cresce, che  rimane stabile al 20,6%, così come Matteo Renzi checon Italia Viva non sfonda la soglia del 4,2%, nonostante le piroette per mettersi i mostra: lo scontro con Giuseppe Conte e la minaccia di far cadere il governo non gli giovano.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza