Donald Trump al Congresso: “Il bello deve ancora venire”. E la Pelosi, snobbata, cede alla stizza

mercoledì 5 Febbraio 13:01 - di Domenico Labra
Donald

La flemma di Donald, la stizza di Nancy. Trump snobba la speaker della Camera negandole il saluto. E lei, indispettita, alla fine strappa copia del discorso del presidente. Due scenette gustose. Andate in onda prima e dopo il discorso sullo stato dell’Unione. Quello che il capo della Casa Bianca pronuncia annualmente dinnanzi al Congresso. Un Trump impettito declina il suo mantra “America First“. Con alle sue spalle una Pelosi pietrificata dalla certezza che il sogno dell’impeachment è già morto e sepolto. Il presidente saluta il “grande ritorno americano”. È il suo terzo discorso sullo Stato dell’Unione e dura un’ora e 18 minuti. “Stiamo andando avanti a un ritmo che era inimmaginabile poco tempo fa, e non ci torneremo mai più!” scandisce, affermando che ”gli anni del decadimento economico sono finiti”.

Donald Trump, l’attacco ai democratici

Attacca poi, senza citarlo, il suo predecessore Obama: “in soli tre brevi anni abbiamo infranto la mentalità del declino americano e abbiamo respinto il ridimensionamento del destino americano”. Il presidente gasato dai fondamentali in espansione non risparmia colpi ai democratici. Compresi i candidati di sinistra come Bernie Sanders che lo sfidano alla corsa alla presidenza. “Non permetteremo mai al socialismo di distruggere l’assistenza sanitaria americana!“, tuona the Donald. “Le nostre scoperte più brillanti non sono ancora note. Le nostre storie più elettrizzanti non sono ancora state raccontate. I nostri più grandi viaggi non sono ancora stati fatti”, conclude, facendo così riecheggiare nell’aula lo slogan della sua campagna elettorale 2020: “Il bello deve ancora venire“.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • VINCENZO DI TOLVE 6 Febbraio 2020

    TRUMP:STRETTA DI MANO NEGATA CON DISCORSO E SIPARIO STRAPPATO
    Nancy Pelosy egoista e concentrata su se stessa, a scapito della Patria demeritando la carica! Insomma, una persona incapace di trasmettere amore: molto egoista come i Semper Fidelis all’Idiota Ideologia Marxista, altro definirsi Socialisti; guerrafondai e Giustizialisti, persone che godono del dispiacere altrui, allora ,c’è poco da dire nel sentire parole di costoro come le ultime di Di Pietro su Craxi, che aveva solo un foruncolose non cancrena! Poi ci sono tipi come quella specie di Cristianuzzi Travaglio, Toscani e Consigliori! Il mio consiglio è di ignorarli: sono persone negative e di allontanarle. In pratica tipologia di persone fastidiose da ignorarle. Purtroppo, un po’ perché la scuola e letteratura e tutti i Poteri nelle mani della Sinistra come la Eco Libri della sorella di Occhetto. Oggi poi, è come l’Esodo Biblico dell’Immigrazione Illegale: non ce più niente da fare, anche se ” È stato bello sognare di avere un Mondo Marxista”. Ecco perché Mattarella non usa la prerogativa scritta nella Costituzione e farci votare! C’est finì la cuccagna di avere a vita lo scranno; tocapì il trucchetto? https://vincenzoditolve.wordpress.com/2020/02/06/trump-stretta-di-mano-negata-con-discorso-e-sipario-strappato/

  • Albert 2020 5 Febbraio 2020

    Quella di non stringere la mano alla Pelosi è stata una caduta di stile istituzionale di Trump, ma quella di strappare platealmente i fogli del suo discorso, da parte della prima, è stata una reazione da vera isterica! Dovrebbe cambiarsi il nome: Penosi, non Pelosi, siamo a livello di dispettucci infantili. Che esempio possono dare i politici se scendono a questi livelli di comportamento?

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica