Calabria, Fratelli d’Italia contro la nomina del presidente del parco d’Aspromonte. «A 7 giorni dal voto è una porcata»

mercoledì 15 gennaio 19:14 - di Redazione
Fratelli d'Italia

L’occupazione sistematica delle poltrone non si ferma neppure davanti alle urne. Fratelli d’Italia denuncia la nomina del presidente del Parco d’Aspromonte a pochi giorni dalle regionali in Calabria.

Fratelli d’Italia: scandalosa la nomina del presidente parco Aspromonte

«Ci siamo opposti oggi in commissione Ambiente alla nomina del presidente del Parco d’Aspromonte, Leo Autelitano. A una settimana dal voto in Calabria», dichiara in una nota Paolo Trancassini. «Una nomina del tutto inopportuna», spiega il parlamentare di Fratelli d’Italia. «Che denota un’arroganza senza pari e l’occupazione sistematica di tutte le poltrone disponibili. Non solo nel presente ma anche del futuro». L’esponente del partito di Giorgia Meloni va all’attacco. «Oggi siamo riusciti a scongiurare questa nomina, domani è nuovamente convocata la commissione Ambiente. Perché il Pd non molla l’osso. Chissà cosa ne pensano i grillini calabresi. In un battito di ciglia sono passati da “mai col Pd” a “mai a casa”».

Cirielli: ennesima porcata di Pd e 5Stelle

Ancora più duro Edmondo Cirielli, commissario provinciale di FdI a Reggio Calabria. «Pd e M5S hanno talmente paura del voto dei cittadini calabresi che si preparano a compiere l’ennesima porcata». Così il deputato nel giorno in cui nelle commissioni Ambiente di Camera e Senato è prevista la ratifica della nomina del nuovo presidente del Parco. «A una settimana dal voto – tuona Cirielli – la giunta regionale di sinistra guidata da Oliverio e i grillini stanno per stipulare l’ennesimo patto di potere. Per provare a fare un po’ di clientelismo politico. Sono davvero alla frutta. Ma queste porcherie serviranno a poco». Il parlamentare di Fratelli d’Italia annuncia un’interrogazione parlamentare al ministro dell’Interno Luciana Lamorgese affinché «in quest’ultima settimana, le forze dell’ordine vigilino particolarmente sulle attività del Parco dopo questo autentico colpo di mano».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza