Calabria, il Pd risponde alle sardine con il tonno: in campo Callipo

domenica 1 dicembre 11:12 - di Monica Pucci

“Ho tanti amici sia fra i parlamentari che fra gli attivisti” del Movimento 5 Stelle. Al momento, sembra abbiano scelto di fare la loro strada autonomamente. Dovessero perseverare, ci confronteremo sul campo. Se cambiassero idea, sarei pronto a lavorare con loro. Basta che il loro capo politico Luigi Di Maio mi chiami e dica ‘Siamo con te'”. Ad affermarlo, in un’intervista a “La Repubblica”, è Pippo Callipo, re di un impero imprenditoriale che va dal tonno ai gelati, che è in corsa per la presidenza della Regione Calabria e che ha già ricevuto l’appoggio del segretario del Pd, Nicola Zingaretti.

Sogno di dare libertà e dignità alla Calabria, sono attento ai problemi del territorio. Mi ci sono impegnato da imprenditore e non ho mai pensato di andare altrove. Se non è di sinistra questo…”, sottolinea Callipo rispondendo a chi tra i dem non lo considera un uomo di sinistra. “Ho fatto un pubblico appello a chi nella società civile ha a cuore il futuro della Calabria. Vediamo chi risponderà. In queste ore si sono manifestati in tanti, anche i Verdi. Io sono aperto a tutti, nasco marinaio, pescatore”, aggiunge ancora Callipo. “Gli imprenditori che hanno a cuore la Calabria, che combattono quotidianamente con una burocrazia capace di trasformare i diritti in favori – sostiene -, mi sosterranno. I ‘prenditori’ mi faranno la guerra. C’è una netta differenza. Fare l’imprenditore in Calabria significa non cercare scorciatoie. Scegliere la legalità e avere in forze dell’ordine e magistratura riferimenti certi”.

Il M5S, però, sembra indisponibile a sostenerlo. Il voto della piattaforma Rosseau si è espresso per la corsa autonomia dei Cinquestelle, molto lontani però dalla scelta di un possibile candidato.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza