In mostra un quadro con la Madonna nuda che si masturba. Per la sinistra “è libera espressione artistica”

mercoledì 15 maggio 12:05 - di Redazione

In Italia il Satana con il fallo in erezione, in Spagna la Madonna che si masturba. Tutto il mondo è paese, tra chi si diverte a offendere i simboli della tradizione cristiana. A Còrdoba, nella parte meridionale della Spagna, lo scandalo e l’indignazionale è scoppiata tra la gente, i fedeli, ma il tema della blasfemia è stato sollevato anche dai partiti di centrodestra mentre la sinistra tace e il ministro della Cultura del governo Sanchez si limita a rivendicare la libertà di espressione degli artisti. Una mostra prevista a Córdoba fino al prossimo 2 giugno prevede infatti l’installlazione di un’opera blasfema, un quadro in cui la sua realizzatrice, la pitttrice Charo Corralesm ha ritratto il suo volto ponendolo al posto di quello della Madonna e l’ha immaginata seminuda mentre si tocca i genitali con l’abito sollevato. La mostra intitolata “Maculadas sin Remedio” è esposta presso il Consiglio Provinciale di Córdoba e rivendica una “più profonda femminilità” con immagini di Vergini proposte da 14 artisti.
Il Partito Popolare di Spagna e la formazione di destra Vox parlano di “offesa al sentimento religioso” e hanno presentato una denuncia all’Ufficio del Procuratore per indagare se ci sono ipotesi di reato, prima che la tela fosse lacerata da uno sconosciuto con un taglio che ne ha deformato una parte. Silenzio dai partiti di sinistra mentre da parte sua, il ministro della Cultura socialista del governo di Pedro Sanchez, José Guirao, ha condannato il taglio sul quadro di Charo Corrales ed ha difeso l’arte come “un campo di espressione e creatività”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza