Il governo introduce “migranti” e “rifugiati” come materia scolastica

17 Mag 2016 14:42 - di Carlo Marini

Il ministero dell’Istruzione e Unhcr (l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati) firmeranno un protocollo su accoglienza, integrazione e solidarietà internazionale nella scuola. L’intesa sarà siglata giovedì al ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, tra il ministro Stefania Giannini, e il rappresentante per il Sud Europa dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Unhcr), Stephane Jaquemet. Il protocollo intende «attivare una collaborazione diretta a promuovere congiuntamente nella scuola i temi dell’accoglienza, dell’integrazione e della solidarietà internazionale». Il documento prevede la realizzazione di attività congiunte fra i due organismi mediante l’elaborazione di specifici progetti. Durante la firma del Protocollo verrà presentato il primo progetto frutto di questa collaborazione: “Viaggi da Imparare”, un sito web interattivo sul fenomeno dei rifugiati in Italia destinato ai docenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado.

E la Boldrini istituisce la commissione per i migranti

L’iniziativa fa il paio con l’attività della Commissione di studio su intolleranza, xenofobia, razzismo e odio, istituita alla Camera dei deputati dalla presidente Laura Boldrini. Al centro dei lavori, l’analisi delle varie forme in cui questi fenomeni possono manifestarsi: antisemitismo, islamofobia, antigitanismo, sessismo, omofobia. Nella sua prima fase, l’obiettivo potrebbe essere la realizzazione di un “Rapporto sull’odio in Italia”, centrato sulle forme di nuovo razzismo che si esprimono specialmente online, e sulle possibili azioni di prevenzione e contrasto a livello sociale, culturale e informativo, oltre che penale. La Commissione sarà guidata dalla Presidente della Camera e, sul modello già sperimentato per la Commissione di studio sui diritti e i doveri dei cittadini in Internet, avrà una composizione mista che metterà insieme deputati, esperti, esponenti di organizzazioni ed associazioni attive su queste tematiche.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA