Salvini contro la Boldrini: «Se criticate i campi nomadi, vi fa bombardare»

sabato 23 maggio 10:05 - di Fulvio Carro

Salvini contro Renzi. Salvini contro la Boldrini. Sono gli ultimi giorni di una campagna elettorale difficile, con i centri sociali a seguirlo ovunque per creare l’inferno e lui additato come il diavolo. Matteo Salvini affronta il rush finale puntualizzando un concetto: «Noi dallo Stato, dal nostro Paese, non vogliamo cose geniali, ma normali». E le cose normali sono il rispetto delle regole da parte degli immigrati che arrivano qui; la difesa di poliziotti e carabinieri che non possono essere denunciati da chi arrestano; una legge che non preveda l’eccesso di legittima difesa e la prostituzione regolamentata in modo che i soldi che arrivano da questa attività possano essere usati per rendere gratuiti gli asili nido.

Salvini contro la Boldrini e il governo Renzi

«Vogliamo che un clandestino già espulso non ritorni con il barcone in Italia e che non ci siano disadattati che vanno a spaccare vetrine a Milano oppure l’anarchico di 67 anni in carrozzella e che è un No tav ma prende il Frecciarossa per andare a protestare: a questo io toglierei la pensione di invalidità», attacca Salvini. Un paese normale che«’dovrebbe eliminare la legge Fornero, togliere gli studi di settore e in cui non ci fosse un governo che dal primo settembre, con la sua buona scuola, lascerà a casa 70mila insegnanti precari e che si è dimenticato di 50mila esodati che non hanno né salario né pensione. In un paese normale vengono prima loro. È per questo che il voto del 31 maggio è politico ed è l’ultima occasione per mandare a casa Renzi, la Boldrini e compagnia».

Di nuovo Salvini contro la Boldrini: «Vi fa bombardare»

I rom «vivono nei campi sulle nostre spalle; se non rispettano le regole che rispettiamo tutti noi italiani, la risposta è una sola: ruspa». Dalla piazza di Mantova si sono alzati applausi scroscianti e lo slogan “ruspa, ruspa”: «Attenti – ha detto Salvini – la Boldrini chiama l’Onu e ci fa bombardare». E infine: «Dopo la bocciatura della Consulta del furto sulle pensioni, adesso arriva la bocciatura dell’Europa del furto dell’Iva alle imprese. Governo Renzi, governo di tassatori. Governo di incapaci».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza