Migranti, la Marina libica mette in fuga navi Ong che attendevano barconi

Ormai non è più un sospetto, è una certezza: le Ong sono complici del traffico internazionale di migranti. L’ultima conferma arriva oggi. La Marina Libica ha annunciato di aver fatto allontanare ieri dalle proprie acque territoriali alcune navi di Ong internazionali che sarebbero state in attesa di barconi con centinaia di migranti a bordo. È quanto si legge su un post pubblicato dalla Marina sulla sua pagina Facebook. Stando alla nota, le autorità libiche hanno rilevato «una mezz’ora» prima dell’individuazione dei barconi «contatti tra le organizzazioni internazionali non governative che affermavano di salvare i migranti nei pressi delle acque territoriali libiche e che, a quanto pare, stavano aspettando i barconi. È stato comunicato loro dalle pattuglie di lasciare la zona e allontanarsi dalle nostre acque territoriali». «Il lavoro di queste organizzazioni – denuncia la Marina libica nel comunicato – aumenta il numero dei barconi migranti e l’audacia dei trafficanti di esseri umani».