Chiude “La Gabbia” di Paragone: cala la mannaia su un altro talk show scomodo

Chiude i battenti un’altra trasmissione “scomoda” ai manovratori: dopo l’Arena di Giletti e la trasmissione di Belpietro Quinta Colonna (cambio di conduzione e di stile) ,  è la volta de “La Gabbia”, il talk show di attualità e politica condotto da Gianluigi Paragone. Euroscettica, anti-sistema, critica con Renzi e il renzismo, equilibrata in tema di immigrazione. Quanto basta. Certo, meglio finirla qui, probabilmente. A sorpresa, per il pubblico ma anche per gli stessi autori e giornalisti, La7 ha infatto deciso di non riproporre il programma nei palinsesti del prossimo anno, quelli sotto la nuova direzione di Andrea Salerno. Pare infatti che la notizia del benservito Paragone e la sua squadra l’abbiano avuta solo qualche ora prima di andare in onda. L’annuncio al pubblico è stato fatto dallo stesso conduttore che, a conclusione della sua ultima puntata, ha ringraziato i collaboratori.

Paragone: “Con questo ciaone ci salutiamo”

“Ringrazio l’editore e anche il nuovo direttore Andrea Salerno – ha detto Paragone-, anche se La Gabbia non rientra più nei suoi piani editoriali, va bene così. Quindi ci salutiamo. La Gabbia termina qui, nel senso che proprio chiude i battenti. Ha vinto il ‘ciaone’ e con questo ciaone ci salutiamo. Buone vacanze”, è stato il congedo di Paragone, come apprendiamo dal sito Affariitaliani.it. Amaro, ma sportivo.

Il programma  andava in onda dal 2013 con uno share medio tra il 3,10 e il 3,80%. La decisione do chiudere così bruscamente La Gabbia è  giunta  a poche settimane dall’arrivo di Andrea Salerno, ex direttore editoriale di Fandango ed ex autore di Gazebo, alla guida della televisione di proprietà di Urbano Cairo. Il nuovo direttore de La7 non ha mai apprezzato lo stile de La Gabbia. Già nel maggio scorso, quando era stato annunciato l’arrivo dell’ex autore di Rai 3 al vertice de La7, Il Foglio aveva raccontato di come tra le mura televisive si parlasse di un Salerno lontanissimo dallo “stile La Gabbia“. Un retroscena giornalistico che viene confermato ora dalla chiusura del programma di Paragone.

La rete sconcertata

L’opinione del popolo della rete è univoco: andare sul profilo Fb della Gabbia per leggere e credere: citiamo un commento di un’utente per tutti:   “Chiude un’altra trasmissione scomoda al sistema. I burattinai si stanno preparando per tempo per affrontare le politiche , sanno che il lavaggio del cervello ai cittadini è indispensabile per mantenere i posti di comando. Si sostituiscono giornalisti liberi probabilmente con fogna a cielo aperto . Consiglio vivamente di buttare la TV , di sicuro spegnere La 7″.