Foibe, un altro schiaffo alla memoria: a Ferrara rubata la targa per le vittime

Stavolta è successo a Ferrara: è stata rubata una delle targhe in memoria delle vittime delle foibe. Nei giorni scorsi un episodio simile si era registrato a Trento, mentre tra gli atti di vandalismo aveva fatto particolarmente discutere quello contro la targa di Marghera, a Venezia, firmato con falce e martello.

Il furto della targa alla vigilia dell’inaugurazione

La targa era una delle due intitolate «agli italiani martiri delle foibe e agli esuli istriani» e poste sulla rotatoria di corso Isonzo. Il furto è stato compiuto alla vigilia della cerimonia di inaugurazione del monumento, alla presenza sia delle autorità cittadine sia dei rappresentanti locali dell’associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia.

Antagonisti in azione contro il ricordo delle foibe

Ad accorgersi dell’accaduto le forze dell’ordine, intervenute dopo un altro oltraggio portato alla memoria delle vittime delle foibe: un gruppo di antagonisti si era avventato contro la cerimonia di commemorazione organizzata da CasaPound Italia Ferrara, in occasione delle manifestazioni promosse in tutta Italia per il Giorno del Ricordo. Mentre i ragazzi di Cpi stavano deponendo fiori e lumini sotto l’albero al centro della rotonda, gli antagonisti, ancora da identificare, avevano interrotto la cerimonia, prendendo a calci i fiori e i lumini.

Le indagini della Digos

Proprio mentre stavano eseguendo un sopralluogo in relazione a questo episodio, come riportato dal sito della Nuova Ferrara, gli agenti della Digos si sono accorti del furto della targa, sulla quale indagano anche con l’ausilio dei filmati delle telecamere di sorveglianza.