I “saggi” del Pd litigano su Veltroni: «La sua Carta del Lingotto è liberista e mercatista»

2 Dic 2022 13:46 - di Valerio Falerni
Veltroni

A volte, in politica, “uccidere il padre” può essere necessario. Se ne va convincendo anche il comitatone costituente assemblato da Enrico Letta più capicorrente per dare una riverniciata al partito e per riscrivere il nuovo manifesto dei valori del Pd. Attualmente – informa l’Huffington Post – intellettuali, politici, società civile, rappresentanti del volontariato sono alle prese con il manifesto originario, la Carta del Lingotto del 2008, ispirato personalmente da Walter Veltroni. Strano a credersi, dal suo esame stanno emergendo critiche e divergenze profondissime. «È un manifesto ordoliberista», ha sentenziato, ad esempio, un big del calibro di Roberto Speranza, che sulla stroncatura ha incassato il plauso della politologa Nadia Urbinati.

Il Comitato vuole riscrivere il Manifesto dei valori

In effetti, il manifesto di Veltroni è un inno alla filosofia del laissez faire, che da sempre è appannaggio del pensiero liberale. Significa che lo Stato si limita a fissare le regole ma si guarda bene dall’intervenire e dall’interferire nelle dinamiche del mercato. Legittimo, ci mancherebbe. Ma che cosa c’entri tutto ciò con un partito di sinistra che dice di battersi contro le disuguaglianze e che teorizza l’azione ridistribuiva delle ricchezze da parte dello Stato, è una sorta di mistero glorioso. Ma così è scritto nel dna del Pd di Veltroni.

I dem a caccia di un’identità di sinistra

Da qui la scelta di gettarlo alle ortiche (il parricidio, per l’appunto) in nome di una ritrovata identità di sinistrasenza se” e “senza ma“. Almeno così pensano molti. Compresi quelli come l’ex-ministro Andrea Orlando, che c’era pure nel 2008 ma non si accorse della «impostazione ordoliberista» denunciata in queste ore. «Forse – concede – avrei dovuto dire di più anche io. Ma è il caso che ora ne parliamo approfonditamente, perché questo è il cuore della questione».

I sostenitori di Bonaccini difendono il testo di Veltroni

Fosse solo questo. E sì, perché nell’ansia di disfarsi del vecchio impianto non manca chi gli muove rilievi stilistici. «È scritto male», sostengono in tanti. Ma sarebbe sbagliato concluderne che cancellare il vecchio testo di Veltroni sarà facile. A difenderlo provvedono infatti i sostenitori del candidato Bonaccini. «Se si stravolge quel testo si parte con il piede sbagliato», avverte il senatore Alfredo Bazoli. E anche Roberto Morassut intima di stare lontani dalla Carta del Lingotto: «È attualissima». Insomma, l’atmosfera da “separati in casa” è calata sul pre-congresso del Pd con largo anticipo. Se questo è l’inizio, figuriamoci il prosieguo. A volte, si sa, chi comincia col parricidio finisce nella scissione.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA