Enrico Letta si è beccato un altro “stai sereno”. E ora cerca solo di salvare la faccia

8 Ago 2022 9:22 - di Franco Bianchini
enrico letta

Non si è trattato dello “stai sereno” renziano, ma qualcosa di molto ma molto simile. E adesso Enrico Letta cerca di aggrapparsi a qualsiasi cosa pur di rimediare alla figuraccia. Tenta in ogni modo di salvare la faccia, perché errori del genere non sono concessi a un leader. Chiaramente il suo nemico numero uno adesso risponde al nome di Carlo Calenda. «Gli italiani», dice al Tg1 il segretario dem, «hanno visto benissimo. C’è stato un patto sottoscritto. Una parte ha deciso di non onorare la parola data. Secondo me in politica, come nella vita, è abbastanza grave. Quali promesse puoi fare agli italiani se sanno che già con gli alleati rompi la parola data?».

Enrico Letta e lo schema delle alleanze

«Lo schema delle alleanze è quello definito, è Calenda che ha deciso di andarsene. Secondo me, se ne andrà da solo. Dopodiché, sul M5S. È stato Conte a far cadere il governo Draghi, si è assunto un’enorme responsabilità. E per noi questo è un fatto conclusivo». Lo stato d’animo di Enrico Letta dopo lo strappo di Calenda? «Molto determinato, adesso si parte in campagna elettorale. Le alleanze sono definite». Poi le solite frasi propagandistiche: «Quello che è fondamentale adesso è parlare di lavoro, di pensioni, di giovani, di ambiente. Queste sono le cose che interessano agli italiani». Se n’è accordo anche lui, anche se con troppo ritardo,

Il ritornello del Pd è sempre lo stesso

Infine l’ossessione:, «Sarò «ancora più determinato rispetto a prima. Infatti è chiaro che gli italiani, con questa legge elettorale, potranno scegliere se essere governati da Meloni e dalle destre o da noi. È una scelta netta e Calenda ha deciso di aiutare la destra facendo quello che ha fatto». Poi, in un’intervista alla “Stampa” l’ultimo affondo: «Credo che Calenda abbia scambiato Twitter con il mondo reale».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA