Candidature a Latina, Sensi attacca il centrodestra, Lollobrigida lo asfalta: pensa al caos del Pd

24 Ago 2022 15:45 - di Lara Rastellino
Pd

La faccia tosta del Pd questa volta ha la voce del deputato dem Filippo Sensi. E il timbro, al solito, è quello dell’insulto ingiustificabile, affidato a un tweet gratuitamente lesivo della dignità politica dei suoi destinatari che recita. «Mi chiedo cosa abbiano fatto di male i cittadini del Lazio per vedersi candidati dalla Lega Durigon, quello del Parco Mussolini a Latina, e da Fratelli d’Italia Chiara Colosimo, cresciuta sotto lo sguardo protettivo di Codreanu». Una goffa operazione di distrazione di massa, quella dell’esponente piddino col dente avvelenato, evidentemente mirata a distrarre amici e follower dal caos che impera nel suo partito. Specie a Latina…

Elezioni e candidature a Latina: scintille tra il Pd Sensi e Lollobrigida

Già, Latina, che solo per parlare delle ultime vicissitudini del Pd, è al centro di un sudoku delle candidature. Scattato dopo le polemiche per i noti post sullo Stato di Israele costate la rinuncia alla corsa elettorale da parte del loro autore: Raffaele La Regina. Mentre al suo partito di riferimento è toccato improvvisare un rimescolamento delle carte con cui riformulare vincenti e piazzati della scuderia dem. Ed è proprio in questo puzzle che si inserisce anche il nome di Filippo Sensi: con Amendola chiamato a rimpiazzare La Regina in Basilicata. E Sensi, a sua volta, invitato a subentrare in lista come candidato al Collegio del Senato al posto di Amendola in Campania.

«Sensi pensi ai problemi del Pd a Latina»

Una giostra da mal di testa allestita all’ultimo minuto, di cui Sensi evidentemente dimentica origini e concause. Così come tralascia appositamente il caos delle irregolarità  che hanno inficiato le elezioni comunali del 3 e 4 ottobre 2021. Con conseguente ricorsi e sentenza del Tar che ha annullato la proclamazione degli eletti e l’esito delle urne, in ventidue sezioni su 116. Oltre al fatto che la decisione dei giudici amministrativi ha comportato la decadenza del sindaco Damiano Coletta e dell’intero Consiglio comunale. Disponendo il ritorno alle urne per le sezioni oggetto della contestazione.

La replica di Lollobrigida al velenoso tweet di Sensi

Ebbene oggi, a replicare alle pretestuose allusioni di Sensi e a risvegliare la sua memoria a breve termine, ha provveduto allora il capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera, Francesco Lollobrigida. Il quale, rivolgendosi all’esponente dem, ha chiarito: «Il deputato del Pd Sensi, invece di farneticare, chieda ai suoi e al presidente della Regione Lazio Zingaretti le ragioni per le quali è stata istituita la Commissione Trasparenza e Pubblicità e Chiara Colosimo è stata votata Presidente della stessa in Regione Lazio».

«Chiara Colosimo è la persona giusta, candidata al posto giusto»

E ancora. «A lui, come ai suoi colleghi – ha sottolineato Lollobrigida – non saranno sfuggiti i problemi che il suo partito ha avuto a Latina in questo ambito e certamente saprà che il 4 settembre gli abitanti della città pontina torneranno al voto per irregolarità gravi che portarono all’elezione dell’ex sindaco Coletta. Chiara Colosimo è la persona giusta, candidata al posto giusto, e potrà al meglio rappresentare quel bisogno di trasparenza e competenza che i cittadini invocano».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA