Lite tra coniugi moldavi finisce in tragedia: il marito accoltella a morte l’uomo che difende la moglie

6 Lug 2022 14:07 - di Prisca Righetti
lite tra coniugi

Una lite tra una coppia di moldavi prima degenera in aggressione violenta, poi finisce in tragedia, quando un uomo interviene in difesa della donna. E il marito lo uccide sferrando una coltellata letale. È accaduto nella tarda serata di ieri a Gaione, vicino a Parma, quando al culmine di un acceso diverbio tra due coniugi, un terzo soggetto, un 35enne, si intromette per proteggere la donna. Un gesto coraggioso punito nel più efferato dei modi: con un fendete sferrato che non gli lascia scampo. Il marito, presunto omicida, invece, cerca di mettersi a riparo da un arresto dandosi alla fuga. Una fuga che dura poco: i carabinieri infatti – intervenuti sul posto insieme alla polizia – hanno rintracciato e arrestato poco dopo l’aggressore. Intanto, sono ancora in corso i rilievi del caso.

Parma, una lite tra coniugi finisce in tragedia

Succede tutto intorno alle 22.30 di ieri sera (martedì 5 luglio ndr). La scena del crimine è un parcheggio di Gaione dove, secondo una prima ricostruzione degli inquirenti al lavoro sul caso, i due coniugi moldavi stavano litigando. I toni si surriscaldano. Le parole diventano minacce. E dalle minacce si passa alla violenza fisica. Un conoscente della coppia – anche lui di origini moldave, forse un collega di lavoro – presente a sua volta sul luogo della lite, resosi conto della gravità della situazione prova a intervenire. Vuole mediare e tentare di difendere la donna. Anche perché, stando a quanto riferisce il sito di Parma Today sull’accaduto, «secondo le prime informazioni sul posto sarebbe stato presente anche un bambino, il figlio della coppia».

Il diverbio degenera in aggressione e un uomo interviene per difendere la donna dal marito

Attimi concitati, istanti drammatici in cui la situazione sfugge di mano. Il marito della donna, in preda a una furia evidentemente incontrollabile, sferra un fendente all’uomo che ha provato a sedare gli animi e dividere i due, che si accascia e muore poco dopo. A quel punto all’orrore si aggiunge il panico, e il presunto omicida prova a fuggire e a nascondersi poco distante, in un parco adiacente al parcheggio. E lì che i carabinieri della compagnia di Parma, che hanno collaborato in tutte le fasi dopo l’omicidio, lo rintracciano e lo arrestano, appena fuori dall’area verde dove aveva cercato rifugio.

La vittima raggiunta da un coltellata letale: muore poco dopo nel parcheggio

Sul posto nel frattempo sono arrivati anche gli uomini della squadra mobile della Questura di Parma e gli agenti della polizia scientifica, impegnati a effettuare i rilievi per cercare di ricostruire nei dettagli quanto accaduto e conclusosi con la morte di un uomo e l’arresto del suo presunto assassino, ora detenuto con l’accusa di omicidio nel carcere di Via Burla, in attesa delle decisioni dell’Autorità Giudiziaria.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA