Ucraina, gli ex presidenti ai grandi del mondo: “Aiutateci a salvare i civili e i militari da Azovstal”

venerdì 13 Maggio 20:38 - di Elsa Corsini

“Ci rivolgiamo ai leader dei Paesi del mondo. Ai paesi membri dell’Unione europea, gli Stati Uniti, il Canada, Cina, Turchia e altri e anche all’Onu. Chiediamo di aiutare il governo ucraino con tutte le risorse diplomatiche disponibili a salvare i civili e i militari da Azovstal. Che la Russia, su ordine di Putin, cerca di distruggere in tutti i modi possibili”. Comincia così la lettera degli ex presidenti dell’Ucraina Leonid Kuchma, Viktor Yushchenko e Petro Poroshenko indirizzata ai leader dei principali Paesi del mondo. Un appello drammatico insieme alla richiesta di aiuto per superare la fase di stallo, il tunnel della morte. Azioni concrete per riuscire  ed evacuare militari e civili ucraini dall’acciaieria di Azovstal. Prima bombardata, poi assediata e occupata dalle truppe russe.

Ucraina, appello degli ex presidenti ai grandi del mondo

“Quelle scioccanti atrocità non hanno alcun senso militare”, scrivono gli ex presidenti. “La città di Mariupol è praticamente distrutta. Il reggimento Azov, i nostri marines e le guardie di confine sono già entrate nella storia, perché ciò che hanno compiuto non ha precedenti. Loro sono i nostri eroi nazionali, coraggiosi e patriottici”. Ora, secondo gli ex presidenti, “non si tratta più della lotta alla pari o meno. Ora vediamo rappresaglie e vendette su coloro che sono assediati. Ma sono incrollabili per la forza della loro volontà. Facciamo appello a ciascuno di voi per salvare la vita degli eroi ucraini. Tutti gli ucraini vi guardano in attesa del vostro intervento, e vi applaudiranno con gratitudine tutti i popoli del mondo civile”. In serata arriva la notizia che nei combattimenti all’acciaieria Azovstal di Mariupol è stato ucciso Mykhailo Popov, un campione ucraino della lotta greco romana. Lo riferisce il comitato sportivo dell’Ucraina in un post su Facebook.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *