Risoluzione di FdI-Ecr per inasprire le sanzioni contro Mosca: «Compensare le nazioni più colpite»

giovedì 7 Aprile 15:38 - di Eugenio Battisti

La delegazione di Fratelli d’Italia- Ecr ha votato la risoluzione che prevede l’inasprimento delle sanzioni contro la Russia. A seguito della “brutale aggressione all’Ucraina che non accenna a fermarsi”, si legge nelle motivazioni. Il testo finale, a seguito degli emendamenti approvati in Aula, richiede anche un embargo immediato sulle importazioni di gas russo. Un inasprimento pesante nei confronti di  Mosca.

FdI-Ecr vota una risoluzione anti-Mosca

FSi tratta, infatti, di una misura sicuramente estrema, “necessaria sul piano politico ma che rischia di avere pesanti conseguenze sull’economia di molti Stati membri, tra cui l’Italia”. È il contenuto di un comunicato della delegazione di Fratelli d’Italia- Ecr al Parlamento europeo composta da Raffaele Fitto (co-presidente), Carlo Fidanza, Nicola Procaccini, Pietro Fiocchi, Raffaele Stancanelli, Sergio Berlato, Vincenzo Sofo e Giuseppe Milazzo.

L’Ue ascolti le proposte di Giorgia Meloni

“Il punto 21 della stessa risoluzione”, si legge ancora nella nota, “chiede un meccanismo di solidarietà dell’Unione europea per fronteggiare le conseguenze economiche della guerra e delle sanzioni imposte. Un tema giudicato e che il partito di Giorgia Meloni in Italia ha posto come priorità. È quindi quanto mai urgente – chiede la delegazione di FdI-Ecr – “che la Commissione europea e il governo Draghi rispondano all’appello di Giorgia Meloni. Approntando un piano immediato per la nostra economica. Un progetto urgente che preveda forniture alternative e misure compensative per le nazioni. E i settori produttivi maggiormente colpiti“.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *