Venezia, annullato “Il lago dei cigni” al teatro La Fenice per un focolaio Covid: i ballerini sono contagiati

martedì 14 Dicembre 17:52 - di Guido Liberati
Fenice

In seguito all’improvvisa rivelazione di un cluster Covid-19 che ha costretto tutto il corpo di ballo del Ballets de Monte-Carlo alla quarantena impedendone la partenza per Venezia, lo spettacolo ‘Lac’ in programma al Teatro La Fenice dal 15 al 19 dicembre è stato annullato.

In sostituzione dello spettacolo si terrà, da sabato 18 a domenica 19 dicembre, un concerto straordinario organizzato per colmare il vuoto lasciato dal Balletto cancellato. Il maestro Nicolas Brochot dirigerà l’Orchestra del Teatro La Fenice in suite tratte dallo ‘Schiaccianoci’ e dal ‘Lago dei cigni’ di Cajkovskij. Domani alle 10 il teatro aprirà le prevendite.

La notizia è arrivata a pochi giorni dalla prima della rilettura del Lago dei Cigni che si sarebbe dovuta tenere domani nello storico teatro veneziano.

Bloccato il trasferimento a Venezia da Montecarlo

Il governo del Principato di Monaco ha annunciato dal 27 novembre l’inasprimento delle misure sanitarie per contrastare la diffusione del virus, visto l’incremento dei contagi registrato. Fino al prossimo 20 dicembre, torna obbligatoria la mascherina all’aperto in tutto il territorio del Principato. Inoltre, la validità del test Pcr passerà da 72 a 24 ore.
Viene raccomandato lo smart working sia nel settore pubblico che in quello privato. A questo si aggiungono la sospensione degli aperitivi in piedi nei locali, così come viene sospesa l’attività di danza e karaoke. L’uso della mascherina viene ripristinato anche per la pratica sportiva indoor e per lo sport scolastico.

Nel Principato impennata di casi

Sospesi le lezioni di nuoto, gli sport da combattimento e da contatto. Sempre da lunedì prossimo vengono anticipate anche le misure inizialmente previste con decorrenza dal primo dicembre: tutti dovranno presentare un pass sanitario valido per consumare all’interno di bar e ristoranti e in terrazza. Questo riguarda anche i giovani tra i 16 e i 18 anni. Il pass sanitario viene richiesto per accedere alle sale spettacoli e agli spazi riunioni con più di trecento persone. Un provvedimento che riguarda, tra l’altro l’Opera, il Teatro Principessa Grace e il Grimaldi Forum. Visto il rimbalzo epidemico, il governo ha esteso da domani l’obbligo del pass sanitario a tutte le persone che intervengono nei luoghi in cui il pass è richiesto: ristoranti, bar, locali notturni, lo stadio Louis II, il Grimaldi Forum e l’Opera.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *