Natale di sangue nel Napoletano, reagisce alla rapina nella sua pescheria: i banditi sparano e lo uccidono

venerdì 24 Dicembre 9:42 - di Greta Paolucci
rapina pescheria

Una giornata di lavoro finita nel sangue. Antonio Morione, di 41 anni, titolare di una pescheria a Boscoreale, nel Napoletano, non ce l’ha fatta. L’uomo, che ha reagito inseguendo la banda dei rapinatori che ieri sera, pochi istanti prima aveva messo a segno una rapina a mano armata nella sua pescheria in provincia di Napoli. Il commerciante è deceduto poco dopo il trasporto in ospedale, a causa di un solo proiettile dei quattro sparati dai banditi. Una pallottola che lo ha colpito in pieno volto, ferendolo gravemente. Ora sulla vicenda indagano i Carabinieri della compagnia di Torre Annunziata.

Rapina nel Napoletano, commerciante reagisce, i banditi lo uccidono

Dunque, proprio sul fronte delle indagini, i militari del Nucleo Investigativo di Torre Annunziata hanno trovato in via della Rocca – nei pressi dell’esercizio commerciale preso di mira dai malviventi – quattro bossoli calibro 9×21. Una prima ricostruzione possibile degli accadimenti, allora, suggerirebbe che dopo la rapina a mano armata il titolare abbia reagito e inseguito i rapinatori. A quel punto, per assicurarsi la fuga, uno dei banditi ha sparato alcuni colpi d’arma da fuoco ferendo gravemente Antonio Morione. Il quale è morto poco dopo essere stato portato in ospedale.

Trovato in una strada vicina al negozio quattro bossoli

Indagini ad ampio raggio, quelle dei carabinieri al lavoro sul caso, che potrebbero collimare anche con quelle relative a un’altra rapina, in un’altra pescheria, sempre a Boscoreale. Un colpo eseguito in via Diaz, nel contesto del quale uno dei rapinatori avrebbe sparato all’interno del negozio dove, fortunatamente, in quel caso nessuno sarebbe rimasto ferito. Ebbene, proprio in quella strada i militari hanno trovato un bossolo dello stesso tipo di quelli rinvenuti in via della Rocca. Motivo per cui, a questo punto, sono in corso delle indagini per accertare se in entrambe i casi sia coinvolta la stessa banda…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *