Lockdown per i non vaccinati dal 31 dicembre: il governo verso una soluzione drastica, l’ipotesi è sul tavolo

mercoledì 29 Dicembre 13:56 - di Redazione

Confinamento per i non vaccinati?  L’ipotesi drastica di un lockdown  dal 31 dicembre per chi non si è sottoposto al vaccino non è fantascienza. Ma l’idea avanzata da Alberto Maggi che sul sito online di Affari Italiani cita fonti governative intenzionate a varare la misura. Impopolare a dir poco. Che scaturirebbe dalla previsione di picchi di contagi sopra la soglia dei 100mila al giorno dopo Capodanno.

Lockdown per i non vaccinati al vaglio del governo

L’ultima parola, come sempre, spetta a Mario Draghi. Ma l’ipotesi di confinare in lockdown oltre 5 milioni e mezzo di italiani senza neppure la prima dose si fa sempre più verosimile. Palazzo Chigi sembra deciso a una nuova stretta sui no vax. La misura potrebbe scattare già dal 31 dicembre, con l’obiettivo di provare a frenare il contagio E soprattutto l’aumento dei ricoveri, dal momenti che è certificato  che oltre l’80 per cento dei pazienti attualmente in terapia intensiva sono no-vax.  Il lockdown destinato solo alla categoria dei non vaccinati, introdotto in Germania ha ottenuto buoni risultati facendo crollare i contagi nel giro di tre settimane.

Sul tavolo del Cts il rebus della quarantena breve

Al vaglio del governo anche la questione della mini quarantena. Ridurre cioè l’isolamento per i contatti di chi è positivo, previsto dai protocolli stabiliti un anno fa. La questione è sul tavolo del comitato scientifico che si riunisce in giornata. Al vaglio lo schema di accorciare l’isolamento da 10 a 5 giorni. E di abolire  completamente la quarantena per chi ha ricevuto la terza dose. Sul modello di quanto è previsto negli Usa.  La restrizione più severa potrebbe scattare già dal 31 dicembre, con l’obiettivo di provare a frenare il contagio e soprattutto l’aumento dei ricoveri, dato che oltre l’80 per cento dei pazienti attualmente in terapia intensiva sono no-vax.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *