Da Ricciardi, fosche previsioni: «Il picco è ancora lontano, a gennaio rischiamo 100.000 casi al giorno»

venerdì 24 Dicembre 12:40 - di Redazione
Ricciardi

«Prevedo che a gennaio avremo un rialzo forte dei casi di Covid, il picco è lontano e dobbiamo ancora resistere». Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute Roberto Speranza e docente di Igiene all’Università Cattolica, lascia pochi margini a visioni ottimistiche o almeno speranzose. E ospite questa mattina a Sky Tg24, mette in guardia su possibili scenari imminenti, dichiarando: «Nel nostro Paese è prevedibile un numero di casi simile a quello visto negli altri Paesi d’Europa».

Ricciardi, «a gennaio avremo un rialzo forte dei contagi. Il picco è lontano, dobbiamo resistere»

Anche perché, prosegue l’esperto, «con le varianti Delta e in particolare Omicron, che la sorpassa anche di 4-5 volte, la vaccinazione, anche quella con due dosi è fondamentale perché evita di finire in ospedale e di morire. Ma non è sufficiente – spiega –. Per cui ci saranno due pandemie, una dei non vaccinati, che avranno conseguenze gravi. E una dei vaccinati, che potranno infettarsi, con quegli inconvenienti di dover stare a casa, fare tamponi e isolarsi». «Le vaccinazioni restano quindi fondamentali – sottolinea Ricciardi –. Ma in questa fase ci vuole anche il comportamento: e le misure del governo servono a farci adottare comportamenti sani».

Dobbiamo evitare a tutti i costi di arrivare al punto in cui si trova il Regno Unito

«Ci sono state due varianti, Delta e Omicron, che hanno una capacità riproduttiva, soprattutto Omicron, enorme». La nuova variante, però, «ha un’alta contagiosità, anche se è meno letale». E, in questo momento, conferma Ricciardi, con la terza dose di vaccino «siamo al sicuro». Al tempo stesso però, ribadisce il consulente del ministro Speranza, «dobbiamo evitare che i contagi arrivino, come successo nel Regno Unito, a 100-120mila al giorno», avverte.

E sul tema dell’obbligo di vaccino per gli Statali, Ricciardi…

«Certamente ci sono alcune categorie, quelle a contatto con il pubblico, che con Omicron diventano vettori, se non vaccinati. Di fatto tutte le operazioni a contatto con il pubblico dovranno prevedere, prima o poi, l’obbligo vaccinale», conclude Ricciardi, riferendosi neanche troppo velatamente al rinvio sull’obbligo di immunizzazione dei dipendenti statali. Un tema su cui il governo ha appena rinviato la decisione ultima.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *