Chi era Enzo Almeni, il kamikaze di Liverpool che si spacciava per italiano (e cristiano)

martedì 16 Novembre 20:27 - di Penelope Corrado
Enzo Almeni

Il kamikaze di Liverpool aveva fatto di tutto per mascherare le origini mediorientali fino al punto da farsi chiamare Enzo Almeni, un nome italiano scelto in onore di Enzo Ferrari per la passione delle auto sportive e per la cucina italiana. 

La pista della finta conversione di Enzo Almeni

La cattedrale di Liverpool potrebbe essersi prestata inconsapevolmente a favorire le conversioni al cristianesimo di molti richiedenti asilo di fede musulmana, che così speravano di avere maggiori chance di vedersi accettare le proprie domande. E’ il dubbio che sollevano i media britannici, dopo l’attentato suicida compiuto domenica davanti al Women’s Hospital dal 32enne Emad Al Swealmeen, convertitosi al cristianesimo, che probabilmente aveva come obiettivo proprio la cattedrale della città, dove era in corso una cerimonia ufficiale per la Remembrance Sunday.

Ci sarebbero centinaia di musulmani finti convertiti


Il Telegraph riporta che centinaia di musulmani, compreso lo stesso Al Swealmeen, sono stati accolti nella Chiesa Anglicana dopo avere seguito un corso di appena cinque settimane presso la cattedrale di Liverpool. I dubbi, scrive il quotidiano, riguardano ora l’autenticità di queste conversioni, che potrebbero invece essere state strumentali all’acquisizione dello status di rifugiato. Tra i motivi per i quali un richiedente asilo non può essere rimpatriato, c’è infatti il rischio che nel suo Paese di origine possa essere perseguitato per la sua fede religiosa, in questo caso il cristianesimo, abbracciato dopo a conversione.

Nel frattempo, la polizia anti terrorismo continua ad indagare sul passato di Enzo Almeni, o meglio di Al Swealmeen. Il 32enne di origine irachena si era convertito al cristianesimo tre anni dopo il suo arrivo nel Regno Unito, nel 2014. Gli investigatori devono ancora comprendere le ragioni del suo gesto. Secondo il Sun, il cittadino giordano aveva trascorso del tempo in Iraq, da dove proveniva sua madre. Quattro uomini sono intanto stati arrestati in base alle leggi sul terrorismo nell’area di Kensington a Liverpool – tre di loro hanno 21, 26 e 29 anni, e sono stati fermati domenica e un quarto, di 20 anni, è stato arrestato ieri – ma sono stati rilasciati dopo essere stati ascoltati.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *