Risparmio, l’Ucid raccoglie l’appello di Mattarella: “Ridare fiducia ai cittadini per convincerli a investire”

sabato 23 Ottobre 14:23 - di Redazione

Due giorni fa è stata celebrata la 97/ma Giornata Mondiale del Risparmio, con un appello del Capo dello Stato, Mattarella a tutti gli operatori del mercato del credito e della finanza, a recuperare un rapporto di fiducia con i cittadini “che potrà contribuire a mobilitare rapidamente una preziosa risorsa, come quella del risparmio delle famiglie, tutelata dalla Costituzione, contribuendo alla ripartenza”.

Un monito al quale si associa il comitato Tecnico Scientifico dell’Ucid (Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti), con il presidente nazionale Riccardo Pedrizzi: “Mattarella ha centrato un importante tema di riflessione: in questa fase iniziale di ripresa post-Covid, va innanzitutto ridata fiducia ai nostri risparmiatori e va messo in moto quel circolo virtuoso che parte dalla concezione etica del risparmio. Il risparmio, frutto del lavoro e di una autolimitazione nei consumi, è una virtù ed un valore sociale e va valutato, quale ‘ricchezza della Nazione’ e quale ‘ricchezza dell’Europa’. Esso è in primo luogo una virtù, perché è una forma di responsabile previdenza, di cui la persona, o la famiglia, si fa carico facendo sacrifici ed evitando le sirene del consumismo e le spese voluttuarie; ed è un valore perché è sudato ‘lavoro del passato’, che mutandosi in credito e capitale d’investimento e combinandosi di nuovo col lavoro del presente e del futuro, è il fattore imprescindibile dell’ulteriore sviluppo economico e del benessere della comunità”.

Pedrizzi (Ucid): “Il risparmio cresce, ma la  liquidità va investita nell’economia”

Pedrizzi ricorda che la corsa al risparmio non si è arrestata negli ultimi mesi. “Mobilitare la liquidità di circa 1.800 miliardi che giacciono improduttivi nei depositi delle famiglie e delle imprese italiane indubbiamente è impresa molto difficile. Eppure questa massa di denaro che costituisce un cuscinetto per famiglie e imprese serve necessariamente per far ripartire l’economia, che è ferma per consumi mancati, investimenti ridotti e costi per banche e clienti eccessivi”. Ecco perché, conclude Pedrizzi, “la ripresa non può partire che attivando quel circolo virtuoso di cui si parlava: il lavoro crea risparmio, il risparmio si trasforma in credito e questo in investimenti nell’economia reale”.

“Bisognerà perciò innanzitutto riconquistare la fiducia delle famiglie italiane diventate ancora più prudenti anche a causa delle frequenti fregature subite nei diversi casi di risparmio tradito. Inoltre, oltre che prevedere maggiori rendimenti, come si diceva, bisognerà anche aggiungere la garanzia di non perdere il capitale investito. La riforma fiscale, che è alll’orizzonte e che è in via di definizione potrebbe essere un’occasione favorevole per rivedere, ad esempio, la tassazione che oggi colpisce le rendite finanziarie”, conclude Pedrizzi.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *