Ilenia Pastorelli controcorrente: «Libreria a Tor Bella Monaca? Gualtieri prima pensi alle strade»

29 Ott 2021 12:20 - di Giulia Melodia
Ilenia Pastorelli

Ilenia Pastorelli è una donna che la periferia romana la conosce bene. Per esserci cresciuta e per averne portato sul grande schermo echi e testimonianze. Ed è proprio da questo valido presupposto che oggi, in un’intervista al Corriere della sera, può permettersi il lusso di replicare al neo sindaco Gualtieri a cui manda a dire due cosette sulla proposta rilanciata mediaticamente di aprire una libreria e dare riferimenti culturali a Tor Bella Monaca, come se una iniziativa di quel genere possa essere la panacea per quel quadrante della capitale colpevolmente abbandonato dalle amministrazioni locali dem e grilline a criminalità e degrado, ormai da una vita…

Ilenia Pastorelli replica a Gualtieri: libreria a Tor Bella Monaca?

Talento del cinema rivelato dal Grande Fratello. Sdoganato nelle sale grazie a Carlo Verdone che l’ha scelta per Benedetta follia. E premiato con il David di Donatello conquistato con Jeeg Robotun film indipendente che ha sublimato l’epica dell’emarginazione – è l’immagine stessa della romanità verace di periferia. Un timbro d’origine, quello di Ilenia Pastorelli, che a un certo punto della sua carriera ha anche rischiato di incollarle addosso un prototipo caro al cinema – compreso quello d’autore del regista Gabriele Mainetti – ma che oggi l’attrice rivendica contro ogni conformismo e qualunque etichetta. Del resto, Ilenia Pastorelli la realtà di chi vive ai margini della capitale l’ha vissuta in prima persona, e non solo per qualche fugace apparizione in campagna elettorale.

E a Gualtieri Ilenia Pastorelli manda a dire: «Prima di passare ai libri, pensiamo alle strade»…

Cresciuta vicino a Tor Bella Monaca, di quelle strade su cui svettano palazzoni come alveari abitati da famiglie operose e presidiati dalla criminalità, Ilenia conosce angoli e risvolti. Di quelle strade, al centro della cronaca nera che ne ha alimentato una mitologia urbanistica, spesso riadattata e sublimata dalla finzione cinematografica, l’attrice conosce il dietro le quinte. E torna a parlarne nell’intervista al Corriere della sera. Una chiacchierata, quella di Ilenia Pastorelli con il quotidiano nazionale, in cui sull’epopea di frontiera delle periferie. E sul colpo di spugna che Gualtieri vorrebbe dare aprendo una libreria come prima iniziativa all’ordine del giorno del suo programma capitolino, rimarca: «Sono cresciuta lì vicino, a Torre Angela, fino a dieci anni. Poi siamo andati alla Magliana: altra zonetta che te la raccomando. Ora è fricchettona, è migliorata»…

L’epica della periferia del Campidoglio e il west metropolitano di tutti i giorni

Ma, aggiunge e stretto giro l’attrice: «Tor Bella Monaca è un quartiere costruito trent’ anni fa, era tutto nuovo quando ero bambina. Le case costavano poco. E al centro, se tutto andava bene, arrivavi in tre quarti d’ora. È una realtà molto semplice… C’era libertà, non mi imbarazza esserci nata». Però se il neosindaco Gualtieri come prima cosa dice che bisogna aprire una libreria e dare riferimenti culturali a Tor Bella Monaca… «È diventata la periferia simbolo. Io dico che prima di pensare alle librerie bisogna pensare alle strade, a come sono ridotte. Dopo passiamo ai libri». Anche perché quello delle periferie di Roma è un dramma che non si limita a un quartiere. E infatti, la Pastorelli sottolinea: «Tutte le periferie da questo punto di vista fanno schifo. A Prima Porta quando piove si allaga tutto»… Librerie comprese.

Ilenia Pastorelli tra cinema e pragmatismo

Insomma, la ragazza disadattata a cui la Pastorelli ha dato corpo e credibilità con la sua interpretazione in Jeeg Robot. Una creatura fragile. con problemi psichici, che crede nell’invisibile e nel super eroe che la viene a salvare, non crede alle favole. Neanche se a dispensarle è il primo cittadino di Roma. E anche se con il suo personaggio del film ha contribuito a nutrire la poetica di celluloide intestata alle periferie, fuori dal set si dimostra pragmatica e realistica. Come quando, sempre nell’intervista, racconta che al provino le avevano chiesto di piangere. «E io non ci riuscivo. Mi hanno dato un’altra possibilità. Tornando a casa l’ho riferito a mia madre che mi ha detto: ma con tutte le bollette che abbiamo da pagare, non ti viene da piangere se te lo chiedono?». Ecco, appunto…

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA