Spara in testa a un 20enne che gli chiedeva di usare la mascherina. La scusa atroce: “Sono stressato”

martedì 21 Settembre 8:27 - di Gabriele Alberti
mascherina

Orrore e follia al tempo del Covid. Una storia agghiacciante che arriva dalla Germania, a Idar-Oberstein, nel Land della Renania-Palatinato. Un ventenne è stato ucciso con un colpo di pistola alla testa per aver fatto notare al cliente della stazione di benzina dove lavora come cassiere l’obbligo di portare la mascherina.  Secondo la ricostruzione della Procura, che ha fatto arrestare l’omicida, l’uomo sarebbe tornato a casa proprio per prendere una pistola che teneva nascosta e tornare alla stazione di benzina. Casi di violenza cieca sono stati frequenti da inizio pandemia, legati al non uso della mascherina e alla follia. Molti cari qui in Italia hanno riguardato personale che tentava di far ripettare le regole. Stavolta il caso tedesco ha motivazioni folli e sconcertanti.

Follia in Germania

Alla seconda richiesta di indossare la mascherina, il 49enne l’uomo ha dato di matto. Ha sparato uccidendo il suo interlocutore sul colpo. Il responsabile ha ammesso l’omicidio e si è giustificato in modo sconcertante. Ha affermato che la situazione generata dalla pandemia lo ha messo sotto forte stress: si è sentito stretto nell’angolo, ha aggiunto, e ha pensato di non avere altra via di uscita che dover dare un segnale. L’uomo, che respinge le misure anticovid, ha anche affermato di aver inizialmente dimenticato la mascherina.

Il 20enne gli chiedeva di indossare la mascherina e lui gli spara

Il killer si era presentato in cassa con una confezione di sei birre. Ma il cassiere si è però rifiutato di servirlo appunto perché privo di mascherina. L’atteggiamento di sfida, dunque, è proseguito un’ora dopo, questa volta con la mascherina, che però ha sfilato al momento di pagamento. Per  il 20enne che gli ha nuovamente chiesto di indossare il dispositivo è stata la fine atroce:  il folle, per tutta risposta, gli ha sparato e lo ha ucciso. L’omicida è stato poi arrestato.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *