Scuola, mini quarantena solo col vicino di banco positivo: da Bassetti a Pregliasco, gli esperti si dividono

martedì 28 Settembre 13:25 - di Prisca Righetti
mini-quarantena a scuola

Mini quarantena a scuola per gli studenti: da Bassetti a Pregliasco, gli esperti si dividono ancora in pareri contrastanti sul tema in esame. Non c’è pace per la scuola declinata ai tempi del coronavirus. E non c’è chiarezza definitiva per le famiglie degli studenti, alle prese con una manuale di istruzioni del governo perennemente riveduto e corretto. L’ultimo capitolo dell’annosa questione che riguarda le misure anti-Covid in classe, allora, torna ad aggiornarsi a nuove ipotesi. A nuove divisioni tra gli esperti chiamati a dare il loro imprimatur alle misure al vaglio del governo.

Scuola, mini quarantena, Bassetti: «È lo strumento per tornare a una vita normale completa»

E allora: come si guarda all’ultima proposta di una mini-quarantena di soli 5 giorni per gli alunni vicini di banco del compagno contagiato dal coronavirus? L’ipotesi, al vaglio del Comitato tecnico scientifico per l’emergenza sanitaria, spacca il fronte dei virologi. I quali, all’Adnkronos Salute, spiegano pro e contro della misura allo studio per proseguire con la didattica in presenza. «L’ipotesi di una mini quarantena a scuola per il vicino di banco del positivo. Limitata a 5 giorni di assenza, è una buona idea. Anzi, io dico che per i ragazzi più grandi vaccinati si dovrebbe evitare qualsiasi quarantena. Questo potrebbe essere lo strumento per tornare ad una vita normale completa», è l’opinione di Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova. Un parere che conferma la possibilità di aprire le porte all’ottimismo e alla speranza di un prossimo, vicino ritorno alla normalità. Anche a scuola.

Mini quarantena a scuola, gli esperti si dividono: «Significa aumentare i rischi, ma è da valutare»

Di diversa opinione, invece, il virologo Fabrizio Pregliasco, docente della Statale di Milano. Il quale, in merito all’eventualità di limitare a una mini quarantena  al solo compagno di banco del positivo. Accorciandone dunque la durata a scuola, si dimostra parzialmente scettico. Tanto che sul punto, l’esperto all’Adnkronos Salute dichiara: «Significa aumentare il livello di rischio. Si può fare. Ma è un elemento da valutare. E non nell’immediato». «C’è un desiderio che è quello della riapertura – rileva infatti Pregliasco –. Una spinta oggettiva a voler fare di più e meglio. Io dico facciamolo, ma con progressione».

Mini quarantena a scuola, Pregliasco: «Ci siamo quasi. Ma aspettiamo»

E ancora: «Limitare la mini quarantena a scuola ha un suo senso – riconosce l’esperto milanese – anche per dare valore ai vaccinati ed evidenziare questo vantaggio. Ma ancora i vaccinati non possono usufruire di questa libertà – il prof della Statale di Milano – per colpa di una quota eccessiva di non vaccinati a livello generale. Ci siamo quasi, ma aspettiamo». «Siamo ancora un po’ indietro – spiega il virologo – rispetto a un dato di circolazione del virus. Ora siamo in una fase decrescente per fortuna. Ma – ricorda e conclude Pregliasco – ci potrebbe essere un colpo di coda. Aspettiamo ancora un pochino. Valutiamolo, e poi sarà una decisione politica rispetto al rischio residuo eventualmente in aumento».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *