Orrore a Torino, nigeriano infierisce sulla compagna a coltellate e tenta il suicidio ingerendo varechina

sabato 25 Settembre 10:11 - di Martino Della Costa
nigeriano

Una lite feroce, scoppiata forse per gelosia. Momenti concitati che si fanno subito drammatici: le urla. Le minacce, la corsa in cucina e quella lama brandita e conficcata nella carne. E così succede ancora: stavolta a Torino, in un’abitazione di via Martiri d’Italia, intorno alle 21.30 circa di ieri sera ( venerdì 24 settembre ndr). Dove al culmine di un litigio, un nigeriano 23enne ha colpito la compagna, una connazionale 21enne, infierendo con diverse coltellate. Sferrate in preda alla rabbia con un coltello da cucina. Un’aggressione feroce a cui potrebbe essere seguito quell’attimo di resipiscenza che ha indotto il giovane immigrato a tentare il suicidio ingerendo della varechina…

Torino, nigeriano infierisce sulla compagna a coltellate, poi tenta il suicidio

È accaduto ieri sera a Caluso, nel Torinese. Protagonista un 23enne di origine nigeriana. La vittima è ricoverata in ospedale in codice rosso e verserebbe in condizioni gravissime. Anche il suo aggressore, ricoverato anche lui in gravi condizioni al nosocomio di Chivasso. Quel compagno che si è accanito su di lei, e che i carabinieri hanno bloccato, ora è in ospedale. Mentre da dietro le loro porte, i vicini della coppia – che hanno sentito le urla della donna e dato l’allarme alle forze dell’ordine – sono ancora atterriti. Quelle grida. Quel frastuono che neppure le mura di casa riuscivano a contenere e silenziare, hanno fatto temere il peggio. E quando i militari e i sanitari del 118 sono entrati in quell’appartamento, la risposta “visiva” a quel drammatico trambusto era lì: la donna esanime sul pavimento. Riversa in un lago del suo stesso sangue…

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *