Meloni contro le femministe: “Vi indignate per la Spigolatrice e non per la Madonna a forma di vagina”

giovedì 30 Settembre 12:46 - di Alberto Consoli
Meloni Spigolatrice
Giorgia Meloni interviene sulla statua della Spigolatrice di Sapri “formosa” che tiene ancora banco tra mille ipocrisie. La leader di Fratelli d’Italia commenta con un’osservazione pungente: “Ho saputo che alcune femministe avrebbero chiesto la rimozione di una statua perché “troppo formosa”. E – a loro dire – offensiva per le donne. Mi chiedo – ragiona la leader di Fratelli d’Italia  – : ma per caso sono le stesse che hanno promosso o difeso l’imbarazzante iniziativa nella quale veniva esposta una Madonna a forma di vagina?”.

Statua della spigolatrice di Sapri: Meloni umilia le femministe

La domanda contiene già la risposta: “Qualcuno di voi ricorda qualche loro parola di condanna nei confronti di una squallida rappresentazione che, sì, offendeva le donne?”. Mai una critica giunse dalle femministe sulla blasfemia grave commessa. Era l’8 marzo scorso. La spigolatrice di Sapri in abiti succinti, aderenti, con le forme del corpo in evidenza resta, intanto,  dove sta: sul lungomare della cittadina in provincia di Salerno. I commenti sulla pagina Fb di Giorgia Meloni mettono in luce l’ipocrisia enorme di chi sta suscitando un finimondo: “È una statua bellissima, ma perché queste donne se la prendono tanto; invece per quella pubblicità della nuvenia che fanno sempre nelle ore quando si pranza o si cena tutti zitti mah!!”. C’è l’ironico: “Beh…le critiche, leggo, arrivano da Cirinnà e Boldrini…Eh…niente…fa gia ridere cosí”.

Il web: “Hanno protestato Boldrini e Cirinnà, il che fa già ridere”

Tra i commenti c’è chi fa un’esegesi della statua oggetto di polemiche: “La donna mediterranea, ed in questo caso cilentana, ha le forme. Non è una donna androgina. Cosa c’è di male?  L’ autore ha spiegato che il vestito è in movimento per rappresentare il vento e la brezza marina”. Scrive un altro utente: “La sensualità, non ha epoca. Abiti succinti, e diventa scandalosa? Ma perché la donna deve essere giudicata per questo?E si dicono pure femministe?”. E a proposito dell’iscena rappresentazipne della Madonna rappresentata come un vagina un’uutente di Fb sottolinea: “Non offendeva solo le donne, quella manifestazione offendeva una religione, il pudore, la sensibilità, chiunque non la pensasse come loro”. Ma allora tutte zitte.

Furono femministe e centri sociali a portare in processione lo scempio

Le femministe si scaldano a corrente alternata. Ricordiamo bene lo scempio accaduto al quartiere Montesacro di Roma: dove un gruppo di femministe di due centri sociali protestò  contro il parroco dei Santi Angeli Custodi portando in processione una Madonna a forma di vagina. La colpa di don Mario era di essere «fascista ed omofobo» per essersi opposto al progetto di pedonalizzazione di piazza Sempione. Che per chi non è della zona, prevedeva lo spostamento della statua della Madonna che è lì da una vita.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *